Home » Ecologia » Lana di pecora come barriera anti inquinamento

Lana di pecora come barriera anti inquinamento

Parafrasando il severissimo sergente Foley del film “Ufficiale Gentiluomo” si potrebbe urlare al mondo che “due sole cose vengono dalla Sardegna: il mare e le pecore!!”. E i sardi lo sanno, infatti proprio dall’unione di queste due cose, e dell’amore per queste due cose, è nata un’idea che potrebbe rivelarsi vincente nella lotta all’inquinamento: una barriera anti petrolio.

Una barriera fatta con imballaggi di lana di pecora che vengono sistemati a ridosso delle coste e che, in caso di sversamento di liquidi inquinanti, trattengono la parte densa e sporca filtrando l’acqua pulita. Il progetto nasce proprio all’Università di Cagliari con il nome di GEOLANA e si presenta come un depuratore naturale che non nuoce al mare e non provoca impatto ambientale se lo si deve usare contro l’inquinamento. Grazie ad alcune speciali micro-celle, la barriera di lana sarebbe in grado di assorbire le particelle di idrocarburi. Ma cosa sono queste micro-celle?

Si tratta di microrganismi tipici della lana che davanti a sostanze pesanti come gli idrocarburi e i composti azotati sanno la capacità di nutrirsene, frantumandoli e assimilandoli, togliendoli quindi dall’acqua. Essendo la lana un prodotto naturale, la sua presenza in mare non disturba l’ecosistema e non inquina a sua volta. La barriera, che è già stata realizzata, verrà usata inizialmente per proteggere i piccoli porti turistici, ma lo scopo è quello di estenderne l’uso anche in grandi distanze per proteggere tutte le nostre coste più belle. Un chilo di GEOLANA può assorbire fino a 14 chili di petrolio e si può utilizzare più volte.

admin

x

Guarda anche

Rispettare l’ambiente anche curando le ferite. Ecco come

Alzi la mano chi non ama l’acqua ossigenata! L’adorano tutti, perché contrariamente all’alcool disinfettante non ...

Condividi con un amico