Home » Ecologia » In Sicilia la luce si accende con l’acqua di mare

In Sicilia la luce si accende con l’acqua di mare

Una ingegnosa trovata dell’Università di Palermo, facoltà di Ingegneria. Accendere una lampadina con l’acqua di mare! Non è una barzelletta e non è qualcosa di poco conto, ma un grande e interessante lavoro portato avanti dai professori Giorgio Micale, Michele Ciofalo e Onofrio Scialdone, insieme agli ingegneri  Andrea Cipollina e Alessandro Tamburini e ai tanti tesisti coinvolti nello studio. Un’idea che se diventasse realtà -e potrebbe diventarlo presto!- risolverebbe il problema dell’energia elettrica in buona parte dell’isola e senza alcuna emissione inquinante nell’ambiente.

I gradienti salini che accendono la luce

Nessuna pala eolica antiestetica, nessun pannello solare, questa nuova energia si ricava dalla salinità del mare, elemento che in Sicilia è protagonista principale … e non solo in Sicilia. Il ruolo principale lo hanno i “gradienti salini”, infatti il sale marino viene miscelato ad altre soluzioni saline di diversa concentrazione e così si crea un forte flusso ionico che può essere catturato e concentrato, creando così l’energia elettrica e meccanica necessaria a illuminare o muovere mezzi e oggetti. Il prototipo ha prodotto una potenza di 1kW e non ha rilasciato nell’ambiente alcun residuo inquinante.

Superquark a Palermo

L’idea e soprattutto la sua realizzazione hanno attirato l’interesse degli autori del programma “Superquark” che si sono recati  a Palermo per capire e per vedere. Le soluzioni saline vengono mescolate e attivate grazie a un sistema di speciali membrane messe a punto da Fuijfilm (la stessa che produce le pellicole cine-fotografiche) nell’ambito del progetto europeo Fp7 ReaPower. Basti solo immaginare cosa vuol dire per un Paese come l’Italia, che vive di mare per la maggior parte delle proprie esigenze, trarre energia pulita da questa risorsa gratuita e a portata di mano. Per cominciare, probabilmente l’energia “salina” verrà testata sulle isolette minori, come le Eolie o le Egadi, per valutare l’efficacia sul campo di questo tipo di elettricità. Certamente Palermo si candida a diventare un polo di eccellenza per questa idea rivoluzionaria.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Per primi 6 mesi niente acqua per i bambini

Per i primi sei mesi di vita i bambini non hanno bisogno di acqua. A ...

Condividi con un amico