Home » Ecologia » Etna, l’eruzione continua “a singhiozzo”

Etna, l’eruzione continua “a singhiozzo”

Come avevamo anticipato, l’Etna sorprende sempre. L’eruzione cominciata lo scorso 27 febbraio, e che sembrava già finita il 1° marzo, in realtà “covava sotto la cenere”, è proprio il caso di dirlo. La calma apparente è durata solo pochi giorni, poi lo spettacolo è ricominciato. Con la cenere, appunto, o meglio la “sabbia vulcanica” espulsa a piccoli sbuffi dal nuovo cratere (già ribattezzato “Sella”).

Un vulcano in movimento

L’Etna è un vulcano “giovane”, e come tale sempre in movimento. Da ieri, infatti, il tremore ha ripreso a salire e la gente della costa se n’è resa subito conto. Le “fontane di lava” hanno ripreso ad illuminare il cielo, con un ritmo quasi da partoriente (una ogni 15 minuti, poi ogni 10 minuti…). All’alba di stamane si potevano ancora fotografare benissimo, nel cielo appena rosato, e da ore rimbombano i boati potenti che si sentono -a seconda di dove soffia il vento- da Acireale, da Zefferana Etnea o da Catania. Anche le scosse sismiche si erano fatte sentire, nei giorni scorsi, tra le zone pedemontane e la costa (nel paese di Fiumefreddo in particolare). L’INGV di Catania per ora non si pronuncia, se non con le spettacolari foto e le comunicazione di alcuni suoi vulcanologi sui social (tra cui l’ormai famoso e simpatico Boris Behncke, di recente intervistato anche dalla trasmissione GEO di Rai Tre). Prima di stilare un rapporto bisogna studiare bene l’evento e con l’Etna ogni giorno si ha un evento nuovo e diverso. Il gran lavoro dell’INGV sta proprio nel trovare un nesso che li colleghi tutti. Per ora si sa che “Stanno continuando le piccole esplosioni stromboliane al Cratere di Sud-Est (a destra), e alla Voragine (a sinistra) da cui si osservano bagliori a volte anche intensi”. Il resto lo vedremo nelle prossime ore. O giorni. O mesi. (foto copyright Grazia Musumeci)

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Il Tirreno, un mare “vulcanico”

Vulcano, Stromboli, il Vesuvio, i Campi Flegrei, l’enorme massa del Marsili ad appena 400 metri ...

Condividi con un amico