Home » Ecologia » A volte ritornano … ecco le specie “non più in estinzione”

A volte ritornano … ecco le specie “non più in estinzione”

A volte ritornano … e per fortuna! Ci sono specie che credevamo estinte e che invece sono ancora tra noi, e si salvano forse proprio perché noi le dimentichiamo. Era successo con gli stambecchi del Gran Paradiso, a fine secolo XIX, sterminati da secoli di caccia e creduti estinti fino a scoprire dieci coraggiosi esemplari ancora vivi. Fu per proteggere loro che il re di Piemonte, allora, fondò la riserva che sarebbe poi divenuta Parco Nazionale del Gran Paradiso! Come gli stambecchi esistono, oggi, molte specie animali che “tornano in vita”.

Il cervo-vampiro e i suoi amici

Le chiamano “Specie Redivive” oppure “animali Lazzaro” dal famoso episodio dell’uomo resuscitato da Gesù. Tra questi ricordiamo il passero Jerdon di Myanmar, creduto estinto dal 1941 e ritrovato di recente nelle foreste dell’Asia; l’inquietante Mosco del Kashmere (foto) un cervo con le zanne vampiresche un tempo cacciato per le sue ghiandole nasali ritenute miracolose in Asia e creduto estinto da almeno 80 anni! E come loro sono stati “riavvistati” il cinghiale sudamericano detto Chaco, che giustamente oggi scappa lontano a razzo appena vede un uomo … e l’orribile Stecco di Lord Howe, un insetto grande quanto una mano che vive solo nell’isola australiana di Lord Howe e che si credeva estinto dall’inizio del Novecento e invece è vivo e vegeto e fa sempre ribrezzo!

L’elefante di Giava

Il record lo detiene un uccellino grande quanto un pugno, peloso e morbido come un coniglietto: il Petrello delle Bermuda non veniva più avvistato dal 1660 e invece ne sono stati trovati alcuni esemplari e sono ancora ad altissimo rischio di estinzione. Sono rimasti in 300 i Thakané, uccelli incapaci di volare ma dai colori bellissimi avvistati l’ultima volta in Nuova Zelanda nel 1889 e oggi ancora esistenti. Infine, se alcune analisi del dna confermeranno l’ipotesi potremmo scoprire che l’elefante pigmeo del Borneo, non è come credevamo un incrocio tra elefanti africani e asiatici ma il diretto discendente dell’elefante di Giava, un progenitore degli attuali pachidermi estinto forse migliaia di anni fa!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

La discoteca “vegetale” di Tokyo… fa bene alle piante?

E’ l’idea nata da una start-up della capitale giapponese, la Midtown Design Touch, che ha ...

Condividi con un amico