Home » Ecologia » Un libro per mamme “ecologiche”

Un libro per mamme “ecologiche”

Crescere un bambino oggi, nella società dello spreco e del consumo? Compito difficilissimo, soprattutto se il vostro credo in realtà tende al rispetto dell’ambiente. Come si fa a lasciare il segno nella mente dei figli, anche dopo che avranno lasciato casa e vivranno a contatto con persone che la pensano in modo diverso e spesso sbagliato? Ce lo spiega Silvana Santo, ideatrice del blog UNAMAMMAGREEN e anche autrice del libro con lo stesso nome, edito da Giunti (in vendita a 12 Euro).

Una guida contro sprechi e inquinamento

Laureata in scienze, mamma di due bimbi di 2 e 4 anni, la signora Santo ha prima sperimentato su se stessa e la sua famiglia la vita all’insegna del verde, del rispetto per il mondo e per la salute, dopo di che ha raccontato questa esperienza nel suo diario Internet, il blog appunto. E da tutto questo è nato il libro “Una mamma green” che si profila come un buon successo letterario. Sicuramente incuriosisce molti genitori, non solo “mamme”, che mirano a dare ai propri figli il meglio. Non esisteva un solo manuale, un tutorial, nulla sulla “maternità sostenibile”, ovvero come affrontare i 9 mesi pre parto e i primi mesi di vita del bambino senza sprechi, senza inquinare, senza fare scelte sbagliate per la salute. Adesso c’è.

Laudato sii

Non basta solo evitare di esporre il bambino all’inquinamento, è importante anche evitare di produrlo, perché il male che facciamo oggi potrà ritorcersi anche contro i nostri figli domani. Silvana Santo guida i nuovi genitori a fare le scelte migliori, con grande ironia, con competenza e anche con un occhio di riguardo alla enciclica ambientalista di Papa Francesco, LAUDATO SII. Perché si può fare, ed è giusto, “crescere un figlio senza inquinare come una petroliera”!

 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ozono, di nuovo allarme. Per colpa della Cina

Avevamo appena tirato un sospiro di sollievo, perché il terribile “buco dell’Ozono” che aveva minacciato ...

Condividi con un amico