Home » Ecologia » A Milano inizia “Bike Sharing senza Stalli”

A Milano inizia “Bike Sharing senza Stalli”

Milano e le biciclette, un amore antico nonostante il traffico e la smisurata crescita della città forse più inquinata d’Italia. Eppure proprio questo amore inesauribile salverà la città della Madonnina da danni ancora peggiori dovuti ai gas di scarico. Dopo le isole pedonali e le giornate senza auto, infatti, Milano si era lanciata allegramente nel Bike Sharing (si noleggia una bici in un punto della città e la si lascia in un altro punto da dove un’altra persona potrà noleggiarla a sua volta, e così via). Adesso però anche questo passo avanti non basta più e si cerca altro. Si cerca il meglio.

Bici in affitto senza stalli

Arriva il Bike Sharing Senza Stalli, una sperimentazione che partirà il 5 luglio e per tre anni, tirando le somme solo alla fine. In cosa si differenzia questo Bike Sharing da quello tradizionale?  Nella assenza di obbligo di lasciarle nelle stazioni di raccolta. La bici si paga e si porta con sé, lasciandola dove più ci fa comodo, anche tornando indietro o cambiando quartiere. Tramite una App si potranno cercare le biciclette più vicine a noi e andarle a prendere, pagando tramite QR Code.
Il servizio, che integra quello esistente e non lo sostituisce del tutto, imita quello già presente in Cina e in Germania, con il vantaggio di incentivare gli spostamenti in giro per la città dato che non si è più costretti a rimanere nell’area degli stalli predisposti. In questo modo cadono anche le ultime scuse e tutti, ma proprio TUTTI, potranno andare a lavoro, al parco, dai parenti pedalando e la città ne guadagnerà in diminuzione delle polveri di scarico e in aumento della salute di tutta la popolazione.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Pneumatici riciclati nella stalla

La scoperta del riciclo dei materiali inquinanti sta aprendo nuove prospettive in diversi settori. Decine ...

Condividi con un amico