Home » Ecologia » Per salvare le nostre montagne occorre isolarle

Per salvare le nostre montagne occorre isolarle

Se lo dice lui, Rheinold Messner, che delle montagne ha fatto mestiere e pane quotidiano, faremo bene a fidarci. Per salvare le nostre bellissime Alpi, e in particolare le Dolomiti, dalla malefica mano dell’uomo occorre appunto isolarle il più possibile. Messner parla direttamente di “Zona a Traffico Limitato”, una ZTL a tutti gli effetti, come quelle dei centri storici.

Un test in atto

Dalle parole ai fatti, già il 4 luglio si è fatto un primo passo in questa direzione chiudendo la strada che porta al Passo Sella, uno dei più celebri valichi dolomitici, dalle 9 alle 16. Niente macchine, nè bus turistici, nè moto…al massimo tutti a piedi o con le mountain-bikes. L’idea è di ripetere la cosa tutti i mercoledì di questa estate 2017 e verificare se e come cambiano gli effetti sull’aria e sulla natura intorno. Messner la chiama “tranquillizzazione delle Dolomiti” e assicura «Sono vent’anni che lo chiedo.  Ora che la politica ha fatto il primo passo sono felice, ma è solo l’inizio: in futuro vedo tante altre strade delle Dolomiti chiuse al mattino, dopo che è salito chi lavora in quota, per riaprire il pomeriggio. Le Dolomiti sono il posto più bello del mondo».  Oltre a scarpe e bici, sono ammessi a salire in quota sul Sella anche i veicoli elettrici, cosa che nelle provincie autonome di Trento e Bolzano include anche taxi e bus dato che lì i mezzi pubblici sono elettrici da tempo. Difficile accettare la cosa, invece, per altre parti delle Dolomiti, come quelle venete e friulane. Insomma, le opposizioni non mancano. Gli albergatori ad esempio contrastano l’idea con tutte le proprie forze: «Sono dei talebani!!! Fermare una strada e basta, senza prevedere un’alternativa, non è una cosa intelligente. I più penalizzati, peraltro, sono quelli che abitano e lavorano qui. ». Ma intanto i primi miglioramenti sulla salute degli animali alpini si vede e Messner non ha intenzione di cedere. In fondo chi sceglie un albergo di montagna lo fa perché ama le passeggiate in quota, dunque non dovrebbe disturbare loro la strada chiusa al traffico.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco i cambiamenti ecologici da temere

Dalle parole ai fatti. Dopo tanti convegni e teorie, IN PRATICA, quali sono i cambiamenti ...

Condividi con un amico