Home » Ecologia » Ecco perché il 2017 è l’anno più caldo del secolo

Ecco perché il 2017 è l’anno più caldo del secolo

Non ha vinto un primato (per nostra fortuna) ma il 2017 si sta seriamente candidando ad essere il “secondo anno più caldo di sempre”, perfino del secolo appena iniziato. E stavolta non c’entra la corrente calda de El Niño, che già in passato aveva segnato i nostri climi, ed è questa l’anomalia: cioè che il caldo sia arrivato anche senza il suo “aiuto”. Come mai avviene questo?

Surriscaldamento naturale aumentato dall’uomo

Secondo i dati sulle temperature globali mondiali, rilasciati dal NOAA, i motivi sono tanti. Primo su tutti ovviamente il surriscaldamento generale del pianeta evidenziato anche dal distacco di enormi ice-berg dal Polo Sud. A contribuire a tutto questo, il riscaldamento eccessivo di alcuni mari come il Mediterraneo che emettono nell’aria umidità che va a creare questi sbalzi di temperatura. Poco c’entra il sole, invece, che pare sia al contrario in una fase calante della sua attività eruttiva! Insomma, la colpa è dell’uomo che ha contribuito -con le sue opere insane- ad aumentare un surriscaldamento anche naturale ma che si è visto accelerato. Le teorie del NOAA sono sostenute dalla NASA, che ha diffuso i propri dati venerdì ricordandoci che le temperature più alte di sempre si stanno avendo in Asia centrale e in Europa occidentale e centrale, ma anche in alcune zone degli Stati Uniti sud-occidentali.  Nell’insieme, da gennaio a giugno 2017 la temperatura registrata è stata di  0,91 °C in più, mentre lo scorso anno erano appena 0,16 e addirittura due anni fa 0,5 gradi in più! Si attende la fine dell’anno per capire -con i dati estivi- a quanto si è arrivato davvero. 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco i cambiamenti ecologici da temere

Dalle parole ai fatti. Dopo tanti convegni e teorie, IN PRATICA, quali sono i cambiamenti ...

Condividi con un amico