Home » Ecologia » I colori delle foglie in autunno

I colori delle foglie in autunno

L’autunno è entrato, secondo il calendario europeo, da alcuni giorni e ancora non vediamo le foglie colorate. Il motivo è la mancanza delle piogge che, si spera, arriveranno nelle prossime settimane a dar sollievo ai nostri campi e boschi stremati dalla siccità. La pioggia stimola il rapido invecchiamento delle foglie e dunque la loro caduta e la loro colorazione prima che ciò avvenga. I colori delle foglie in autunno sono vari e tutti hanno una motivazione.

I pigmenti e la clorofilla

Le foglie che diventano gialle o rosse sono quelle più ricche di carotenoidi, pigmenti sempre vivi ma “oscurati” dal verde scuro della clorofilla. Quando in autunno la pianta perde rapidamente livelli di clorofilla, escono allo scoperto questi colori che rendono i boschi magici. Fanno foglie gialle e rosse alcune betulle, il melo selvatico, l’acero canadese,  il mirto, il sassofrasso. Alcuni altri alberi cambiano il proprio colore in un rosso scuro, quasi violaceo. Questi pigmenti possono coesistere con la clorofilla agli stessi livelli, sebbene in alcune piante proprio in autunno la sovrastino. Producono foglie rosso-viola i frassini e gli aceri giapponesi. Meno romantiche, forse, ma altrettanto speciali le foglie grigie, che si verificano in quelle piante dove la clorofilla in autunno sparisce del tutto facendo morire le foglie rapidamente. Alla fine dell’autunno, tutte le foglie diventano grigie o marroni e cadono, per cui il processo è simile per tutti, soltanto accelerato o rallentato a seconda del tipo di pianta e delle piogge. Una curiosità: il periodo delle foglie rosse, che da noi corrisponde più o meno alla “estate di San Martino”, nei paesi di tradizione anglosassone si chiama “Indian Summer” da una leggenda americana che voleva uso degli “indiani” d’America fare l’ultima caccia della stagione estiva proprio nel periodo delle foglie rosse, prima di ritirarsi nelle tende fino a primavera. (foto— Colori dell’Etna, by Grazia Musumeci)

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Il Sahara ci dimostra il rischio che corriamo

Siamo abituati a considerarlo una macchia gialla sulla mappa, uno dei più grandi deserti del ...

Condividi con un amico