Home » Ecologia » No fracking! La Scozia contro gli scavi del petrolio

No fracking! La Scozia contro gli scavi del petrolio

Sapete cosa è il “fracking”? La parola viene da HYDROFRACKING ovvero aprire delle fratture nel suolo, o nel sottosuolo, con l’aiuto di getti d’acqua potentissimi in modo da poter -a seconda dell’uso- scavare minerali, cercare pozzi, cercare anche gas e petrolio. Una tecnica che si usa da molti anni, che in linea di massima dovrebbe essere non inquinante e sicura ma che, si sospetta, a lungo andare tenda a sconvolgere l’equilibrio delle faglie causando anche terremoti!

La gente non vuole “fratture” petrolifere

In Scozia, un recente referendum (gennaio 2017) aveva colto l’opinione della gente sul “fracking” nel territorio nazionale e la risposta era stata NO, NON LO VOGLIAMO. Il governo scozzese ha annunciato quindi che “non sosterrà lo sviluppo di petrolio e gas non convenzionali in Scozia”, imponendo quindi il divieto alle multinazionali. Un colpo durissimo ma anche un atto di coraggio confortato da indagini che sono state svolte e che hanno dato come risultato possibili “impatti ambientali, sanitari e economici”.  L’estrazione di petrolio diventa sempre più importante, dato che la risorsa sta per finire, e anche al largo della Puglia e della Sicilia si parla di “fracking”, così come nella bellissima Basilicata. Oltre alle paure degli ambientalisti esistono anche i timori fondati dei geologi a riguardo. Ma come reagiranno le potenti industrie petrolifere contro le quali a volte sono crollati perfino governi regolarmente eletti? Sarà uno scontro storico che per adesso gli “highlander” scozzesi non sembrano temere. Il ministro delle infrastrutture e dello sviluppo è stato molto chiaro: Avendo preso in considerazione gli interessi dell’ambiente, della nostra economia, della sanità pubblica e della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica, la decisione che ho annunciato significa che in Scozia il fracking non può venire e non avrà luogo”.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Migliora il riciclo dei rifiuti in Italia

Buone notizie, ogni tanto, nel nostro Paese. Stiamo migliorando di parecchio nella sana abitudine di ...

Condividi con un amico