Home » Ecologia » Due anni fa battuto ogni record di CO2 nell’aria

Due anni fa battuto ogni record di CO2 nell’aria

I dati arrivano solo ora, dopo le lunghe elaborazioni, ma veniamo informati oggi -alla vigilia del 2018- che nell’anno 2016 sono stati ampiamente superati i limiti record delle concentrazioni di anidride carbonica (CO2) nell’aria del nostro pianeta. Insomma, sono due anni che respiriamo veleno a livello globale e nonostante gli accorgimenti presi in questi mesi il danno è stato fatto.

Se ne parlerà in Germania a novembre

L’Organizzazione Meteorologica dell’ONU ha analizzato i campioni di aria raccolti nel corso del 2016 confrontandoli con quelli di anni passati e di quest’anno e si sono rivelate cifre da spavento. La concentrazione di CO2 nell’aria, oltre a danneggiare il nostro respiro, surriscalda l’atmosfera e questo provoca -e difatti ha provocato, nel 2017- un innalzamento delle temperature, una diminuzione delle piogge e le carestie e siccità di cui abbiamo avuto assaggio anche noi in Italia. Il prossimo 6 e 7 novembre in Germania, a Bonn, ci sarà la nuova  Conferenza Onu sul Cambiamento Climatico, e già si sa chi remerà contro: USA e Cina su tutti. Le politiche delle potenze moderne ignorano completamente il pericolo del danno ambientale e a poco valgono gli allarmi lanciati quotidianamente. I dati del 2016 parlano di 403,3 parti di polveri dannose per milione di metri cubi d’aria, sopra le 400 raggiunte nel 2015. E ancora una volta la colpa è dell’uomo, delle sue attività sconsiderate, che si uniscono alle azioni di cambiamento climatico naturale come le correnti calde, El Nino, o le eruzioni vulcaniche.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Gravidanza: smog minaccia longevità nascituro

L’esposizione allo smog in gravidanza mette a rischio la speranza di vita del nascituro.  A ...

Condividi con un amico