Home » Ecologia » Dove vanno -letteralmente- i polpi del Galles?

Dove vanno -letteralmente- i polpi del Galles?

Ma dove vanno i polpi? Non è una domanda esistenziale o un modo di dire… ma un quesito vero e proprio, e misterioso. Da qualche tempo, infatti, sulla costa britannica del Galles (località New Quay, a Ceredigion) si sta verificando un fenomeno assurdo. I polpi escono dal mare e camminano, sui propri tentacoli, per metri e metri attraverso la spiaggia. Se n’è accorto tra i primi il signor Brett Jones, presidente di una Associazione per l’Avvistamento dei Cetacei che stava tornando da una giornata di osservazione dei delfini.

Sembrano fuggire dal mare

Incredulo, ha ripreso i polpi vagabondi col suo cellulare. “Erano una ventina, forse anche più di venticinque. Abbiamo cercato di rimetterli in mare, ma tornavano ad uscire. Mai visto nulla di simile!” ha dichiarato alla stampa.  In Gran Bretagna in effetti non si era mai visto, ma in alcuni posti del mondo i polpi a volte fanno queste “passeggiatine” fuori dall’acqua. In California è successo, anche in Australia. Ma qui il fenomeno strano risiede nel fatto che i polpi non sembravano gradire il ritorno a mare. Come se qualcosa li attirasse fuori dall’acqua e verso l’asciutto. Lo hanno fatto per tre giorni di seguito, almeno quelli fin qui documentati.

Confusi dalle tempeste oppure…

La “passeggiata” avviene di notte e forse la spiegazione esiste. L’unione di due eventi naturali  -due forti tempeste oceaniche e la bassa marea che è seguita- hanno confuso gli animali che si sono ritrovati in un sentiero anomalo convinti di seguire la via del mare. Disturbati dall’uomo, hanno ripreso a seguire quel loro sentiero falso, confondendosi ancora di più. Il signor Jones lo ha fatto in buona fede, per aiutare, ma forse sarebbe stato meglio lasciare ai polpi il tempo di capire bene dove si trovavano. Se la spiegazione climatica non fosse esatta,  il fenomeno diventerebbe inquietante. I polpi, fuori dal mare, morirebbero in poco tempo. E sicuramente il loro cibo si trova sotto le onde. Che cosa dunque li spinge a questo “suicidio di massa”?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Omaggio a Gomorra dalle selle Net Saddle

Omaggio alla serie tv Gomorra con le selle Net Saddle, che riportano frasi celebri della ...

Condividi con un amico