Home » Ecologia » Ottime idee per riciclare l’olio

Ottime idee per riciclare l’olio

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo assaggiamo quando è novello, pizzicante e buonissimo, poi lo usiamo e riusiamo per decine di piatti … e molto spesso per la frittura. Fa davvero male al cuore gettare via l’olio, talmente prezioso che per gli antichi “portava sfortuna” spargerlo per terra. Ma ne sprechiamo davvero tanto, di olio, quando gettiamo via il residuo della frittura, quando scoliamo nel lavandino l’olio che resta dopo l’arrosto o l’insalata. E oltre a far male al cuore questo spreco fa male all’ambiente perché l’olio, un po’, inquina.

Alcune idee per riciclarlo in allegria

Se non sapete come o dove smaltirlo, leggete queste idee perché ci sono molti modi per riciclare l’olio e possono essere anche divertenti, oltre che utili. Sappiamo tutti che anticamente l’olio era usato per alimentare le lampade della sera. Oggi non serve più, dato che abbiamo i LED! Eppure se conservate l’olio della frittura, filtrandolo dalle impurità, e versandolo in contenitori di vetro magari dalle forme originali (ad esempio, vecchie bottigliette di profumo…) con uno stoppino immerso dentro potete creare voi la vostra lampada artistica e perché no… all’occasione -metti un blackout- anche funzionante! Restando in tema artistico potete scolare l’olio vecchio in un contenitore di plastica trasparente, magari colorata, sistemarlo sopra una lampadina e accenderla dopo aver disciolto dentro il contenitore una pillola effervescente. Si creeranno delle bolle molli che saliranno e scenderanno illuminate dal basso… con una resa spettacolare intorno.

Fare il sapone o spalare la neve

Se volete, con l’olio, potete creare il sapone fatto in casa. Versate in una pentola la soda caustica (con protezioni per occhi e mani), 50 cl di acqua e fate riscaldare per bene. Una volta spento il fuoco, mentre lentamente si raffredda, versatevi dentro  l’olio e mescolate per circa mezz’ora. Colate poi il tutto in contenitori di plastica e lasciateli raffreddare, coperti da un telo, per due settimane. Ne ricaverete delle belle saponette. Se non avete tempo e fantasia per tutto questo, potete riutilizzare l’olio esausto come idratante (ad esempio prima della depilazione con lametta o subito dopo quella con ceretta) oppure condire il cibo del vostro cane o gatto. Un’ultima dritta? Se ungete con l’olio la pala da neve, potrete spalare il vialetto senza mai dovervi fermare per scrostarla per il ghiaccio che vi si attacca sopra.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Amici a quattro zampe in ospedale in visita ai pazienti

Gli amici a quattro zampe potranno finalmente entrare in ospedale per fare visita ai pazienti ...

Condividi con un amico