Home » Ecologia » E’ Palermo la capitale del “traffico” italiano

E’ Palermo la capitale del “traffico” italiano

Vi ricordate quando nel film “Johnny Stecchino”, lo “zio” di Benigni diceva scuotendo il capo che il problema più grosso di Palermo era il traffico? Mica la mafia, la povertà o la corruzione, no, soltanto il traffico! Ebbene aveva ragione, non erano parole campate per aria. Ci sono voluti vent’anni per scoprirlo con dati ufficiali, ovvero, in questo caso, i dati della indagine promossa dall’azienda di produzione dei navigatori TomTom.

L’indagine di TomTom boccia Palermo

Usando proprio i dati dei loro utenti e di quanto e dove attivassero i navigatori, i ricercatori hanno stilato i tempi durante i quali le auto restavano imbottigliate nel traffico motoristico cittadino, in tutta Italia, e i risultati sono che in Sicilia si sta in coda più che a Milano, più che sul Grande Raccordo di Roma! I palermitani, in particolare, sprecano in coda dentro le proprie auto il 40% del loro tempo, seguiti a ruota da Messina e Catania (39%). Dati che sono lontanissimi da quelli delle grandi metropoli, dato che a Milano la gente spreca nel traffico solo il 30% del tempo e a Napoli il 20% ! Dunque Palermo capitale del traffico, aveva ragione “lo zio” di Johnny! Ma come mai questa bella ed elegante capitale mediterranea ha questo triste primato?

Colpa di strade e mezzi pubblici

Sicuramente la colpa principale sta nell’organizzazione della viabilità in una città che ha, sì, strade larghe da capitale ma anche quartieri fitti di case e di vicoli a senso unico che i torcono come budella. La colpa è anche del poco uso dei mezzi pubblici e della loro inaffidabilità che spinge i palermitani a preferire la propria macchina e infine la colpa è di una scarsa politica ecologica che di fatto impedisce alla gente di andare a piedi o in bici, togliendo auto dalle strade. Un vero peccato, perché Palermo non è la città più popolosa d’Italia e potrebbe preservare un’aria più salubre se imparasse a gestire meglio il traffico cittadino. Ne guadagnerebbero tanto in anni di vita i suoi abitanti, perché respirerebbero meno smog e si arrabbierebbero di meno in coda!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Rispettare l’ambiente anche curando le ferite. Ecco come

Alzi la mano chi non ama l’acqua ossigenata! L’adorano tutti, perché contrariamente all’alcool disinfettante non ...

Condividi con un amico