Home » Ecologia » Una città contro i “grandi” del petrolio

Una città contro i “grandi” del petrolio

New York  riscopre la propria antica anima ecologista e punta tutto sull’ambiente. Una delle prime città al mondo a volere un parco urbano di dimensioni incredibili, oggi sta lottando per costruire una “cintura verde” sulle proprie coste a protezione contro eventuali cicloni e maremoti. E sempre New York nei giorni scorsi ha fatto causa ai giganti del petrolio  Exxon, Chevron, Bp, Royal Dutch Shell e ConocoPhillips per il loro comportamento indifferente nei confronti dell’inquinamento che essi stessi producono.

Stop all’inquinamento da carbone e petrolio

Minimizzando e ridendo delle preoccupazioni degli ecologisti, queste aziende hanno contribuito al cambiamento climatico e al surriscaldamento globale. Non soltanto producono carburanti inquinanti, ma lo fanno spesso senza regole sui luoghi da cui estraggono e senza una politica ambientale sicura. E quando si cerca di farli ragionare, replicano con arroganza e con condiscendenza forzata. Adesso basta! Adesso queste persone, secondo la Grande Mela, devono pagare. Forti dello stop che è stato imposto ai piani del presidente Trump, per riavviare le estrazioni di carbone e petrolio, il sindaco di New York -Michael Bloomberg- e i cittadini ecologisti festeggiano la loro prima vittoria. Invece di incentivare l’uso del carbone per i riscaldamenti, invece di puntare sulle estrazioni di petrolio, si deve pensare alle nuove energie pulite che nel resto del mondo sono già molto avanzate. Il gas naturale è la frontiera del domani e perdere questa occasione, oltre a voler dire un aumento dell’inquinamento, significherebbe per gli USA restare indietro nel confronto del mercato straniero che si evolve verso il futuro. New York, come città, non ci sta! Anche Trump, però, messo alle strette dalla commissione FERC ha dovuto cambiare idea sia sul carbone che sulle trivellazioni in Florida. Ora si spera di vincere contro tutte le altre multinazionali, in favore dell’unica casa che abbiamo: la Terra.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Rispettare l’ambiente anche curando le ferite. Ecco come

Alzi la mano chi non ama l’acqua ossigenata! L’adorano tutti, perché contrariamente all’alcool disinfettante non ...

Condividi con un amico