Home » Ecologia » Ecco perché la neve fa bene. Anche alle piante

Ecco perché la neve fa bene. Anche alle piante

A chi fa bene la neve? Be’, ma naturalmente a noi che amiamo sciare, ai bambini che adorano affondarci dentro, ai gestori di impianti turistici invernali che ci tirano lo stipendio ogni mese … ma che ci crediate o no fa bene anche alle nostre piante. Sì, proprio le piantine che vediamo oggi sofferenti, ingiallite e abbattute dal troppo freddo.

Una protezione bianca per i fiori

Chiaramente gli eccessi non fanno mai davvero bene, ma di suo la natura sa come proteggersi dagli eventi che crea da sé. E i fiori, dalla neve, traggono anche beneficio.  La neve, infatti, isola termicamente le radici delle piante che grazie alla sacca di aria che si crea così loro intorno non vengono distrutte dal gelo. La coltre di neve, poi, fa cadere la pianta in una sorta di “letargo vegetale”, rallentando le sue funzioni. E’ vero che sembra ingiallire e intristirsi, ma non è morta … sta solo dormendo. E ricarica le energie per fiorire poi ai primi caldi.  Nei sempreverdi, inoltre, la neve agisce anche come “medicina”. Cattura, infatti, l’azoto e l’ammoniaca presenti nell’aria e li libera sulle foglie delle piante verdi poco per volta, nutrendole e idratandole contro il freddo intorno. Si crea in tal modo una riserva che permette a questi alberi di vivere anche nel torrido clima estivo seguente.  Grazie alla neve, i piccoli organismi che vivono sottoterra -come i vermi- possono continuare la loro attività che consiste spesso nel portare sostanze nuove da una pianta all’altra e anche nell’impollinare alcune specie. Lo fanno lentamente e di nascosto, grazie al manto bianco, e così sfuggono ai predatori che possono fermarli. Uomo incluso.  

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Allarme acqua: tra dieci anni mancherà al 47% del pianeta

Tra dieci anni, forse anche meno, quasi la metà della popolazione mondiale (il 47%) potrebbe ...

Condividi con un amico