Home » Ecologia » Il nord Italia tra gelo e incendi

Il nord Italia tra gelo e incendi

Continua ancora l’allarme valanghe in quasi tutto il nord Italia, in particolare tra Veneto e Trentino Alto Adige. Due metri di neve caduti in poche ore e il rialzo improvviso delle temperature hanno accelerato il rischio di distacco di masse di neve dalle montagne ma anche dai tetti delle case tanto che alcuni sindaci hanno emanato l’ordine di “camminare lontano dalle abitazioni”. Mentre si tenta ancora di recuperare i tanti turisti rimasti bloccati nei rifugi e negli hotel bloccati dalle muraglie di neve, si sta provvedendo al distacco controllato delle valanghe, ovvero un distacco di masse di neve causato artificialmente dall’uomo per evitare il sovraccarico.

Incendio doloso su Monte Grappa

E mentre si combatte col gelo su un fronte, sull’altro -Monte Grappa- si cerca di spegnere un incendio che certamente nulla ha di naturale! L’incendio si è sviluppato martedì pomeriggio in un bosco di pochi metri quadri in Valle Santa Felicita, a Romano d’Ezzelino, e in poche ore ha già raggiunto i 2 kmq. L’intervento immediato dei vigili del fuoco e della forestale ha impedito che il danno si estendesse oltre, ma ha anche evidenziato le tracce del dolo. I carabinieri chiamati sul posto hanno infatti trovato una tanica di benzina carbonizzata … sebbene non ci sia la certezza assoluta, dato che mancano gli inneschi. Certamente con le temperature bassissime degli scorsi giorni pare alquanto impossibile che il fuoco si sia sprigionato per autocombustione! Al lavoro in queste ore anche l’Associazione Volontari Incendi Boschivi (Avab) di Crespano del Grappa, Treviso, che ha controllato e predisposto il rifornimento di  14 mila i litri di acqua predisposti nelle due vasche che si trovano al campo base e che serviranno per gli elicotteri. Tanta la paura tra gli abitanti della zona, soprattutto dopo la notizia che il fuoco ha sfiorato per pochissimo una casa in zona Costalunga (pare sia arrivato a 50 metri dal muro di cinta del giardino!).

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Sopravvive a 50 arresti cardiaci in una settimana

Non molti giorni fa avevamo parlato della Sindrome di Brugada, di quelle cellule del cuore ...

Condividi con un amico