Home » Ecologia » L’albero a cui tendevi il cellulare …!

L’albero a cui tendevi il cellulare …!

La Serbia stupisce tutti e inventa un dispositivo che farà la storia. Sfruttando al massimo l’energia solare, sono stati installati nelle città principali della nazione (e anche nella vicina Bosnia) degli “alberi solari”, strutture formate da un pilastro centrale e una grande tettoia fornita di pannelli solari che incamera luce ed energia tutto il giorno. La stessa energia viene trasformata in corrente elettrica e, essendo fornito di numerosi spinotti, l’albero si può usare per ricaricare i cellulari.

Alberi a cui ricaricare cellulari e non solo

La brillante trovata è di una giovanissima azienda, Strawberry Energy, e infatti il nome di queste strutture è Strawberry Trees (alberi fragola, anche se con le fragole non hanno nulla a che fare!). Con 16 prese per ciascun “albero”, sarà possibile ricaricare non solo i cellulari ma anche tablet, computer portatili, bici elettriche, lettori mp3 ... e nel frattempo si sta comodamente seduti, all’ombra della tettoia, a chiacchierare e socializzare. Due piccioni con una fava, e tutti e due ecologici!

Puntare sulle energie pulite conviene

Certo, se Carducci tornasse in vita oggi dovrebbe riscrivere la famosa poesia e la pargoletta mano si tenderebbe verso un albero ben diverso! Ma chi ha potuto provare le 12 strutture finora esistenti ha detto che sono efficientissime e utilissime, non solo per ricaricare ma anche per conoscere persone nuove. La stessa azienda che ha ideato gli “alberi” ha prodotto dei caricatori solari portatili che si possono usare ad esempio durante una partita di calcio, a un concerto, in attesa del bus! Scommettere sulle tecnologie pulite, sul rispetto per l’ambiente non significa affatto rinunciare al progresso. E questo ce lo dimostra ampiamente. 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Il Sahara ci dimostra il rischio che corriamo

Siamo abituati a considerarlo una macchia gialla sulla mappa, uno dei più grandi deserti del ...

Condividi con un amico