Home » Ecologia » I vaporetti ecologici di Venezia

I vaporetti ecologici di Venezia

Venezia si riscopre “green” e non solo per il colore limaccioso dei suoi canali che stagnano tranquilli tra le case … Il cuore verde di Venezia ha deciso di donare alla laguna un po’ di respiro in più e allo stesso tempo di prendere due piccioni con una fava permettendo a buona parte della provincia (o del Veneto?) di smaltire l’olio di oliva.

L’olio da cucina diventa motore “verde”

L’esperimento deciso dal Comune riguarderà i prossimi sette mesi ovvero il pieno della stagione turistica estiva, e proprio in questo periodo verranno messi in circolazione per la primissima volta i vaporetti ecologici alimentati a olio da cucina esausto. Proprio quell’olio … di oliva, di mais, di arachidi… che dopo essere stato usato per la frittura viene gettato via. Immaginate nella sola Venezia quanti ristoranti e hotel lo fanno! E immaginate se questi oli, invece di finire nello scarico del lavandino oppure nei bidoni dell’isola ecologica, venissero riutilizzati per dare energia ai motori dei vaporetti?

Meno inquinamento in Laguna

Ovviamente è ancora presto per un carburante totalmente green, ma sicuramente un 20% del nuovo carburante in dotazione ai vaporetti veneziani sarà composto da oli da cucina usati. Essendo oli naturali, anche se si disperdono in mare rimangono non inquinanti e il piano è proprio quello di abbassare i tassi di inquinamento che in una città come Venezia non riguardano solo l’aria ma anche l’acqua. E con accanto una raffineria famosa come quella di Porto Marghera non sarà difficile rivoluzionare l’industria del carburante in una direzione rispettosa dell’ambiente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Rispettare l’ambiente anche curando le ferite. Ecco come

Alzi la mano chi non ama l’acqua ossigenata! L’adorano tutti, perché contrariamente all’alcool disinfettante non ...

Condividi con un amico