Home » Moda » Lacoste cambia logo per salvaguardia degli animali

Lacoste cambia logo per salvaguardia degli animali

Lacoste scende in campo per la salvaguardia degli animali. Per sensibilizzare gli appassionati delle sue polo sul rischio di estinzione di alcune specie selvatiche il brand ha infatti lanciato 10 polo dove il celebre logo del coccodrillo è stato sostituito da 10 simboli di animali a rischio. Inoltre, ogni polo è stata realizzata in un numero corrispondente a quello degli esemplari di ogni specie ancora in vita e in libertà sul pianeta.

Ecco così che nella speciale “Lacoste x Save Our Species” il coccodrillo è stato sostituito dall’iguana di Anegada (per 450 polo), la tigre di Sumatra (350), il Saola (250), il condor della California (231), il gibbone di Cao-vit (150), il Kakapo (157), il rinoceronte di Giava (67), il lepilemure settentrionale (50), la tartaruga rugosa birmana (40) e la vaquita, il più piccolo -cetaceo del mondo (30).

La linea, già sold out, è stata presentata insieme alla collezione Autunno Inverno 2018-2019 durante la settimana della moda di Parigi. Per l’occasione il brand ha voluto ricordare anche un progetto ecologista lanciato dal fondatore René Lacoste e sua moglie Simone Thion de la Chaume negli anni della Seconda Guerra Mondiale: durante l’occupazione nazista della Francia, i due riuscirono a tutelare 50mila alberi e salvare la vita a 12 operai forestali che altrimenti sarebbero stati mandati in campi di concentramento, impiegandoli nel rimboschimento del parco del campo da golf di Chantaco a Saint-Jean-de-Luz, vicino alla loro dimora nei Paesi Baschi.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Sopravvive a 50 arresti cardiaci in una settimana

Non molti giorni fa avevamo parlato della Sindrome di Brugada, di quelle cellule del cuore ...

Condividi con un amico