Home » Notizie » Nuovi tagli per l'Italia: Moody's boccia banche, aziende ed enti locali

Nuovi tagli per l'Italia: Moody's boccia banche, aziende ed enti locali

Continua il gioco al ribasso. Altri guai in vista per l’Italia. Dopo il taglio di tre livelli al rating sul debito italiano, l’agenzia Moody’s ha rivisto al ribasso il giudizio su diverse banche italiane, aziende nazionali ed enti locali. La stessa agenzia spiega in una nota che è la “scarsa flessibilità finanziaria” del governo italiano uno dei fattori chiave del taglio operato al rating sul debito e sui depositi di alcuni istituti nazionali. Da ieri forse nulla è cambiato, ma sicuramente l’incubo “Grecia” diventa sempre più reale.

Moody’s ha ridotto il rating a lungo termine assegnato a Intesa Sanpaolo ad A2 (da Aa3), mentre ha declassato di Unicredit è passato da A2 a C- per il lungo termine. Per Terna si passa da A2 a A3e allo stesso tempo ha abbassato il rating di breve termine da Prime-1 a Prime-2. Finmeccanica è stata ridotta a Baa2 da A3 a seguito dell’abbassamento del rating dell’Italia, stessa fine anche per Eni che passa a Aa3 da A1.

Moody’s ha declassato il rating di lungo termine di Enel da “A2” a “A3”, male anche per Poste Italiane che passano da Aa2 a A2. Generali invece è stata confermata in Aa3, evidenziando che “l’ampia diversificazione del Gruppo e le caratteristiche flessibili di prodotto servono ad isolarlo in qualche modo dallo stress relativo al debito sovrano italiano”. L’agenzia ha modificato l’outlook da stabile a negativo a seguito del downgrade all’Italia.

admin

x

Guarda anche

San Valentino: gli italiani puntano su regali “da vivere”

Cosa regali a San Valentino al tuo partner tanto amato? Il solito anello? La collanina? ...

Condividi con un amico