Home » Notizie » In Corte Costituzionale si è aperta l'udienza pubblica sulla legge elettorale

In Corte Costituzionale si è aperta l'udienza pubblica sulla legge elettorale

Si è aperta, stamattina, in Corte Costituzionale, l’udienza pubblica sulla legge elettorale.

Il caso verrà esposto dal giudice Giuseppe Tesauro, e poi la parola passerà ai ricorrenti, ovvero il giudice Aldo Bozzi, di 79 anni, promotore dell’azione contro il “Porcellum”, e gli avvocati Claudio Tani, Felice Carlo Besostri e Giuseppe Bozzi.

Il caso è arrivato in Consulta grazie alla testardaggine di Bozzi, il quale, nel novembre 2009, ha citato in giudizio la Presidenza del Consiglio e il Ministero dell’Interno, sostenendo che, nelle elezioni del 2006 e del 2008, il suo diritto di voto fosse stato leso in quanto non si era svolto secondo le norme della Costituzione.

Gli aspetti che Bozzi ancora oggi contesta sono le liste bloccate, il premio di maggioranza senza soglia minima e l’inserimento nella lista elettorale del nome del capo di ciascuna lista o coalizione. Il primo aspetto dovrebbe essere liberamente garantito all’elettore, in modo che possa esprimere la propria preferenza a singoli candidati. Il secondo aspetto viene contestato perché attribuisce premi di maggioranza senza un aggancio a un numero minimo di voti, violando il principio di uguaglianza delle elezioni. Il terzo aspetto viene criticato perché limiterebbe l’autonomia del Presidente della Repubblica nella scelta del premier. Dopo una battaglia di corsi e ricorsi tra il Tribunale di Milano, a cui Bozzi si rivolse, e le varie Corti dello Stato, il caso è arrivato oggi in Consulta.

Stefano Malvicini

Foto: A. Wee via Flickr

admin

x

Guarda anche

Tra legge elettorale e scelta del successore di Napolitano: i destini incrociati di centrosinistra e centrodestra nello scacchiere politico italiano

Le sorti dello scacchiere politico italiano si decideranno nel giro di pochi giorni. Facebook Twitter ...

Condividi con un amico