Home » Notizie » Lampedusa, migranti lavati con acqua fredda per "disinfestarli", l'Ue indaga e minaccia l'Italia su aiuti

Lampedusa, migranti lavati con acqua fredda per "disinfestarli", l'Ue indaga e minaccia l'Italia su aiuti

Il commissario europeo, Cecilia Malmstrom ha fatto sapere “La nostra assistenza e sostegno alle autorità italiane nella gestione dei flussi migratori ma, può continuare solo se il Paese garantisce condizioni umane e dignitose nel ricevimento di migranti, richiedenti asilo e rifugiati”.

L’Ue chiede che venga fatta chiarezza su quanto accaduto nel centro di accoglienza di Lampedusa, avvertendo:  “Contatteremo le autorità italiane per chiedere maggiori informazioni su questi eventi e chiederemo loro di fare piena luce su quanto accaduto“.

Il Tg2 ha trasmesso immagini girate nel centro di accoglienza che  secondo la Ue sono “spaventose e inaccettabili“. Si vedrebbero migranti lavati con getti di acqua fredda.

Ma gli operatori del centro di prima accoglienza di Lampedusa non ci stanno e cercano in qualche modo di  difendersi spiegando che: “Il trattamento che noi stavamo facendo, previsto da un protocollo, stava durando da un’ora e mezza e a un certo punto alcuni immigrati si sono spazientiti, si sono spogliati e hanno chiaramente inscenato quanto si vede”.

A parlare è l’amministratore delegato della cooperativa Lampedusa accoglienza, Cono Galipò, il quale ha anche aggiunto “Abbiamo avuto tre sbarchi in cui il sospetto di scabbia era molto alto e, normalmente, quando i casi sono pochi i trattamenti si fanno in infermeria, ma quando sono 104 ci vogliono dei locali disponibili. Avremmo dovuto bloccare l’iter e l’operazione quando i due immigrati si sono innervositi.”

Intanto le autorità italiane sono al lavoro per chiarire eventuali responsabilità. La procura di Agrigento vuole far luce su quanto documentato dal Tg2. I reati ipotizzati, a carico di ignoti, sono quelli di violenza privata e maltrattamenti nei confronti di persone sottoposte a cura e custodia. 

 

Giovanna Manna

admin

x

Guarda anche

Sostanze pericolose in prodotti per bambini, segnalazioni in aumento

Sono ben 2200 le segnalazioni fatte al sistema Ue solo nel 2017 e relative a ...

Condividi con un amico