Home » Notizie » Basket, Cantù stende Milano nel derby del Pianella

Basket, Cantù stende Milano nel derby del Pianella

Il posticipo dell’undicesima giornata del campionato di basket ha regalato la vittoria di Cantù nel derby contro Milano per 87-72.

Il derby al Pianella è sempre il derby, verrebbe da dire: pubblico delle grandi occasioni e rivalità molto sentita da ambo le parti in un palazzetto stracolmo come sempre nel cuore della Brianza tutta mobili e palla a spicchi.

A Milano mancavano due pedine fondamentali come David Moss e Samardo Samuels e con il nuovo acquisto Daniel Hackett ancora ai box prima dell’esordio contro Cremona a Santo Stefano. Cantù, invece, era al gran completo.

Si è partiti con un testa a testa tra le due squadre, in cui hanno brillato Alessandro Gentile per Milano e Maarten Leunen per Cantù, in una sfida tutta triple e uno contro uno. L’intero primo quarto è stato segnato dall’equilibrio, proseguito, in parte, anche nel secondo quarto, quando i brianzoli hanno cominciato a prendere il largo. I milanesi si sono tenuti a galla grazie all’atletismo di Gani Lawal, che ha limitato il centrone avversario Marco Cusin, e alle bombe di Keith Langford. Dopo l’intervallo lungo, Cantù pare prima compiere lo scatto decisivo, con Stefano Gentile, fratello di Alessandro, ma, poi, una dubbia decisione arbitrale sul +7 per i padroni di casa ha mandato in lunetta, per fallo antisportivo, il Gentile milanese, contestatissimo dal pubblico canturino, che ha fatto 2/2, mettendo anche una tripla sul possesso successivo: Armani Jeans a -2, e il match pareva riaperto, ma sono entrati in scena i due killer dell’Olimpia, ancora una volta Stefano Gentile e Joe Ragland. Il primo ha piazzato una bomba micidiale da 9 metri che ha ricacciato indietro i biancorossi, il secondo ha piazzato altri due tiri da 3 che hanno definitivamente spezzato le gambe a Milano. I giocatori in maglia rossa hanno cominciato a forzare tiri su tiri, con conclusioni palesemente facilissime che sono state sbagliate clamorosamente. L’ultimo quarto è stato pura accademia per Cantù, che ha continuato, con Ragland e Jenkins la pioggia di triple della ripresa precedente, mentre l’Olimpia ha continuato nel lavorio di forzatura dei tiri che l’ha affossata senza pietà, garantendo al solo Lawal di salvarsi nell’immenso mare della sconfitta.

I migliori in campo sono stati, per Cantù, Joe Ragland, con i suoi 17 punti, ma soprattutto Stefano Gentile, che ha riaperto la partita e l’ha poi decisa, con soli 8 ma devastanti punti a referto. Stesso discorso per Milano, per la quale il migliore è stato Gani Lawal, autore di 14 punti e 10 rimbalzi, oltre che dell’unica speranza di galleggiamento di una Milano in attesa di una nuova fisionomia. Non sono certo bastati i 28 di Alessandro Gentile e i 21 di Langford a salvare la prestazione di stasera dell’Olimpia.

Stefano Malvicini

Foto: Paolo Baviera via Flickr

admin

x

Guarda anche

Como, tre bambini morti in incendio in casa

Tragedia a Como dove  tre bambini sono morti nell’incendio divampato stamani in un appartamento, all’ultimo ...

Condividi con un amico