Home » Notizie » La burrasca di Santo Stefano interrompe i collegamenti tra Italia e Svizzera a Domodossola e crea problemi in Lombardia, Liguria e Campania

La burrasca di Santo Stefano interrompe i collegamenti tra Italia e Svizzera a Domodossola e crea problemi in Lombardia, Liguria e Campania

La burrasca di santo Stefano, ampiamente prevista, sta creando diversi problemi in tutta Italia.

In Piemonte i collegamenti con la Svizzera sono bloccati a causa di un’intensa nevicata dalle 2.30 di questa notte. La ferrovia del Sempione è chiusa da Domodossola a Iselle, punto di entrata della galleria, per la caduta di alberi tra Varzo e Preglia. Un treno internazionale è fermo da alcune ore a Domodossola.

La zona più colpita è stata il nord della Lombardia, particolarmente l’area dell’Alto Lario. Diverse frane e smottamenti, dovuti alla pioggia che cade ininterrottamente da ieri, hanno interessato il territorio tra le province di Como e Lecco. Stamattina alle 6, a Premana, in Valsassina, è caduta una frana ma ancora non si conoscono i danni. Ieri sera, a Bellagio, una caduta di massi sulla strada che costeggia il lago ha sorpreso due persone che sono rimaste intrappolate nella loro auto fino all’intervento dei Vigili del Fuoco: per loro solo un grande spavento e qualche contusione. A Porlezza, sul lago di Lugano, si è staccato stamattina un pezzo di roccia. Problemi anche nel basso Comasco, dove ad Appiano Gentile sono caduti alcuni alberi, e a Valbrona il muro di un oratorio si è crepato per le piogge. Nel Milanese, a Pogliano l’Olona è a rischio esondazione ma la situazione pare sotto controllo.

In Liguria il vento ha raggiunto i cento chilometri orari. Durante la notte, a Genova e provincia sono caduti circa trecento millimetri d’acqua, così come quasi centosessanta nel Savonese. A Chiavari l’Entella è esondato ma senza creare danni. Il Centa, ad Albenga, è a rischio. I problemi maggiori sono, però, in provincia di La Spezia, dove l’Aurelia è chiusa nel comune di Borghetto di Vara per precauzione, in seguito a una frana nella valle omonima. Anche il Magra preoccupa intorno a Sarzana. Anche in provincia di Imperia, a Ceriana, sono state fatte sfollare una ventina di persone per un rischio frana.

In Campania è stato il vento a fare da protagonista, sferzando l’area di Napoli e dintorni. Qui sono caduti vari alberi e cartelloni pubblicitari, oltre ad alcuni intonaci pericolanti.

Stefano Malvicini

admin

x

Guarda anche

Grande freddo in arrivo, dal Ministero della Salute 10 consigli per difendersi dal gelo

Dagli esperti del Ministero della Salute 10 consigli per difendersi dal freddo. Con l’arrivo dell’ondata ...

Condividi con un amico