Home » Notizie » Rapite due cooperanti italiane in Siria

Rapite due cooperanti italiane in Siria

Due giovani cooperanti italiane, di 21 e 22 anni, sono state rapite in Siria, ad Aleppo.

Il Ministero degli Esteri ha confermato tutto con queste parole: “La Farnesina conferma la notizia della irreperibilità di due cittadine italiane sulla quale sin da subito stanno lavorando l’Unità di crisi e la nostra intelligence. Il Ministero ha attivato immediatamente tutti i canali informativi e di ricerca per i necessari accertamenti. Le due cittadine si trovavano ad Aleppo per seguire progetti umanitari nel settore sanitario e idrico. L’Unità di crisi ha già preso contatto con le famiglie che vengono tenute costantemente informate sugli sviluppi del caso”.

Vanessa Marzullo, bergamasca di Brembate, e Greta Ramelli, varesotta di Besozzo, erano entrate in Siria da Atma il 28 luglio scorso, all’interno di una missione sostenuta anche dalla onlus La Rosa di Damasco finalizzata ad aiutare la popolazione civile prostrata dalla guerra. Del sequestro si sa pochissimo, pertanto è difficile dire se si tratta di criminali comuni o di milizie terroriste. Le giovani sono irreperibili da giovedì, data dell’ultimo contatto in Skype con la presidente de La Rosa di Damasco.

I familiari delle due ragazze preferiscono mantenere il massimo riserbo sulla vicenda, attendendo notizie dal Ministero degli Esteri.

Secondo un sito siriano, le ragazze sarebbero state viste l’ultima volta presso l’abitazione di un capo rivoluzionario, insieme a un giornalista sfuggito al sequestro.

Stefano Malvicini

Foto: IHH – Humanitarian Relief Foundation via Flickr

admin

x

Guarda anche

Genova: giovane tenta di rapire tre bambine al parco

Momenti di tensione a Genova dove una giovane ha cercato di rapire tre bambine al ...

Condividi con un amico