Home » Notizie » Sequestrato parte del Lungotevere: ritrovate tracce di liquido tossico

Sequestrato parte del Lungotevere: ritrovate tracce di liquido tossico

Sequestrato parte del Lungotevere a Roma perché ritrovate tracce di liquido tossico. Il tratto contaminato sarebbe quello Arnaldo da Brescia, nelle vicinanze di Piazza del Popolo e a poca distanza dal palazzo della Marina. Ciò che avrebbe indotto il gip del Tribunale di Roma a sequestrare il tratto del Lungotevere sarebbe il forte inquinamento acustico e il ritrovamento di liquido legato allo smaltimento dei rifiuti. Il traffico dei veicoli non è stato chiuso ma è stato sequestrato parte del marciapiede dove prima sostavano gli autocompattatori dell’Ama, veicoli destinati alla raccolta dei rifiuti, che da tempo infastidivano i residenti perché causavano rumori e cattivi odori per 19 ore al giorno, infastidendo la quiete cittadina e non solo, rovinando il decoro della città. Il provvedimento è stato emanato dopo le lamentele di molti residenti nel mese di luglio scorso, preoccupati per la loro salute, per il cattivo odore e per l’inquinamento acustico.

I grandi compattatori era posizionati sul tratto del Lungotevere e proprio lì attendevano i rifiuti per compattarli e per portarli in discarica. Una situazione assurda per chi ci risiede in quella zona e per chi ci lavora. L’area interessata è di una decina di metri e i mezzi erano collocati in quel posto dall’agosto del 2014, lavorando giorno e notte senza sosta.

admin

x

Guarda anche

Arte: le mostre più visitate del 2017

‘Viva arte viva’ è la mostra più vista del 2017. L’Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale ...

Condividi con un amico