Home » Notizie » Roma: condannato a 7 anni e mezzo di reclusione per aver violentato una tassista

Roma: condannato a 7 anni e mezzo di reclusione per aver violentato una tassista

Condannato a 7 anni e mezzo il 30enne Simone Borghese che nel maggio del 2015 violentò e rapinò una tassista nella zona periferica di Roma dove si fece accompagnare. La donna chiese una pena esemplare per l’uomo per far sì che non facesse più del male a nessuno. Inoltre è stata prevista anche una provvisionale di 30mila euro in favore della vittima e 10mila euro in favore del Comune di Roma. Borghese, padre di due bambine, cameriere, dopo pochi giorni dall’arresto si dichiarò responsabile e pentito, e chiarì che quella vicenda si era realizzata in seguito ad un raptus che gli aveva rovinato la vita, probabilmente spiegò perché sotto l’effetto della cocaina.

Intanto l’uomo si è ripetuto, infatti, è imputato per un secondo processo, previsto per aprile per un altro caso di stupro ai danni di una ragazza di 17 anni molestata in ascensore nel giugno del 2015. A decidere della condanna sono stati i giudici della V sezione penale del Tribunale di Roma.

admin

x

Guarda anche

Violenza domestica, cresce numero vittime tra le giovanissime

Una donna su tre in Italia subisce violenza dal proprio partner. L’allarme arriva dai dati ...

Condividi con un amico