Home » Notizie » Omicidio Yara: confermato ergastolo a Bossetti

Omicidio Yara: confermato ergastolo a Bossetti

È stata confermata la condanna all’ergastolo per Massimo Bossetti, il muratore accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio. La Corte d’Assise d’Appello di Brescia ha confermato la condanna all’ergastolo per l’uomo ritenuto il responsabile dell’assassionio della 13enne di Brembate.

Yara scomparve il 26 novembre 2010 a Brembate di Sopra dopo aver lasciato la palestra in cui praticava ginnastica ritmica, che si trova a 700 metri da casa. Il corpo è stato ritrovato tre mesi dopo, il 26 febbraio 2011, in un campo a Chignolo d’Isola. L’autopsia confermò che la ragazzina era stata colpita alla testa e ferita gravemente con un’arma da taglio alla gola, al torace, alla schiena e ai polsi.

Il muratore di Mapello, in carcere da tre anni, ha letto in aula alcune dichiarazioni spontanee con le quali ha chiesto alla Corte di riparare “al più grande errore giudiziario di tutta la storia”.

La moglie di Bossetti, Marita Comi, non è riuscita a trattenere le lacrime dopo la conferma della condanna per il marito. La donna era in aula con gli avvocati e la madre dell’imputato. I Legali di Bossetti hanno già annunciato il ricorso in Cassazione.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

L’ora più buia, Gary Oldman è Winston Churchill al cinema

L’ora più buia – Appuntamento al cinema dal 18 gennaio con L’ora più buia, il ...

Condividi con un amico