Home » Notizie » Ombre sulle elezioni: arrestato sindaco di Acireale per corruzione

Ombre sulle elezioni: arrestato sindaco di Acireale per corruzione

Ombre sulle prossime elezioni parlamentari che piombano in particolare su un onorevole siciliano, attualmente candidato con le liste del PD. Infatti una inchiesta per corruzioneinduzione indebita e turbativa d’asta condotta tra le province di Catania e di Messina ha portato agli arresti di 8 persone (su un totale di 17 indagati) e tra questi assessori, vigili urbani, commercianti e il giovane sindaco del comune di Acireale (Catania), in carica da 4 anni. 

Movimenti anomali intorno al voto

La cosiddetta “Operazione Sibilla” è scattata all’alba di oggi, 23 febbraio,  ad opera della Guardia di Finanza che indagava su alcuni strani movimenti che intrecciavano imprenditoria, progetti ingegneristici, voti elettorali e “multe” e che vedono coinvolto in prima persona (pare vi siano intercettazioni telefoniche chiarissime) il primo cittadino acese, Roberto Barbagallo (42 anni, a sinistra nella foto), uomo molto vicino all’onorevole Nicola D’Agostino candidato per il PD. L’onorevole risulta al momento estraneo ai fatti e non indagato, ma i movimenti che hanno portato agli arresti di queste persone ruotavano comunque intorno alle scorse elezioni regionali e potrebbero mettere a rischio anche le prossime nazionali.

Multe annullate in cambio di favori elettorali

Secondo le indagini, infatti, lo scorso autunno il sindaco di Acireale avrebbe disposto un controllo dei vigili urbani all’attività ortofrutticola di due commercianti locali, con l’aiuto di un ufficiale dei vigili urbani, con “l’obiettivo di fare emergere delle irregolarità commerciali, salvo poi prospettare ai Principato la possibilità di risolvere la situazione in cambio di sostegno elettorale per D’Agostino.  Promessa che sarebbe stata effettivamente pronunciata dai due commercianti, indagati a piede libero nell’indagine” (riporta il sito MeridioNews di questa mattina).  L’arresto di queste persone porta sicuramente una bomba in una campagna elettorale già avvelenata su molti fronti e oggi ancora più oscura. Gli sviluppi delle prossime settimane ci faranno capire fino a che punto ci si è spinti.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Elezioni 2018: vince M5S ma nessuna maggioranza

I numeri, in sintesi, parlano di vittoria del Movimento 5 Stelle che, da solo, ottiene ...

Condividi con un amico