Home » Notizie » Ecco come evitare che Facebook ci “rubi la vita”

Ecco come evitare che Facebook ci “rubi la vita”

Ore drammatiche per il colosso FACEBOOK di Mark Zuckerberg. Arriva l’ennesima pesante accusa e una nuova condanna per “furto di dati privati” che punta ancora una volta (la terza!) il dito contro il famoso social, stavolta nell’occhio del ciclone per una serie di illeciti sulla privacy dei suoi utenti di USA, Italia, Gran Bretagna e Germania utilizzati per fini elettorali e politici.

Uso improprio di dati privati e utenti spiati

Dopo la prima accusa di utilizzo improprio dei dati privati a scopo pubblicitario e l’ancor più grave accusa di complicità di Facebook in un contorto esperimento psicologico, nel 2012, quando l’umore di molti utenti venne letteralmente manipolato tramite la falsificazione di messaggi sulle bacheche, per consentire uno studio di ricerca psicologica all’insaputa della gente … oggi arriva il caso pesantissimo di oltre 50 milioni i profili Facebook “spiati” per scopi elettorali.  Lo si è fatto usando delle applicazioni in apparenza innocue e anche divertenti, come ad esempio quelle che chiedono di rispondere a delle domande specifiche, a dichiarare il proprio colore preferito, “la città dove vivrei è…”, o simili. Sotto forma di gioco, queste applicazioni di Facebook ottengono informazioni utilissime che poi vengono girate a terzi e usate per scopi di cui la persona non è a conoscenza. Ma esiste un modo per proteggersi da tutto questo.

Ecco come proteggersi

Prima di tutto, fregare Facebook con i suoi stessi mezzi, ovvero usando le regole sulla privacy in modo totale, blindando il proprio profilo: limitare la visione di messaggi e fotografie ai soli “amici”, limitare gli “amici” meno sicuri al ruolo di “conoscenti”, utilizzare le “liste particolari” per condividere foto private, rifiutare di farci taggare da altri che non siano di nostra assoluta conoscenza e così via. Si trova tutto nella sezione Impostazioni>Privacy e relative sottosezioni (Diario, Generale, Notifiche, ecc.) e si dovrebbe fare subito, appena iscritti, ma si può modificare in qualsiasi momento. In secondo luogo, controllare ed eliminare le app pericolose e “spione”: Impostazioni>App cliccando su ogni singola applicazione vedremo quali informazioni Facebook “ci ha rubato” e quindi decidere di cancellarle. Non è certo che eliminando la app elimineremo anche i dati che abbiamo già regalato a Mark e compagnia, ma almeno eviteremo di fare lo stesso errore in futuro. Se non vi fidate nemmeno di questo, l’unico modo per non  farsi spiare è… eliminare il profilo. Per sempre.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Sopravvive a 50 arresti cardiaci in una settimana

Non molti giorni fa avevamo parlato della Sindrome di Brugada, di quelle cellule del cuore ...

Condividi con un amico