Home » Tag Archivi: parto

Tag Archivi: parto

Parto sicuro se indotto a termine per le over 35

Il parto potrebbe essere più sicuro nelle donne che hanno superato i 35 anni se indotto a termine. Lo afferma uno studio pubblicato su Plos Medicine, secondo cui per le donne sopra 35 anni in gravidanza è meglio partorire a termine e non aspettare per vedere se il bimbo nasce naturalmente. questa è l’opzione meno rischiosa per mamma e figlio. ...

Leggi Articolo »

Parto in acqua e rischio infezioni

Partorire in acqua può essere pericoloso. L’allarme arriva dai ricercatori canadesi della Western University di London, Ontario, che riportano il caso di una bimba finita in terapia intensiva con un’infezione pochi giorni dopo la nascita. Gli esperti hanno descritto il caso della piccola sul Canadian Medical Association Journal. Come riferiscono i medici, la bimba è stata partorita in una vasca ...

Leggi Articolo »

Una molecola potrebbe prevenire parto pretermine

  Una molecola potrebbe prevenire il parto pretermine. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori della Clinica ginecologica dell’ospedale universitario di Berna che avrebbero individuato una particolare sostanza che potrebbe impedire il parto pretermine nelle gravidanze a rischio. Si tratta di una particolare molecola che viene prodotta dall’ovocita allo scopo di agevolare, dopo la fecondazione, l’annidamento dell’embrione nella parete. La ...

Leggi Articolo »

Oms, ecco i diritti delle partorienti

Sono tante le domande che affollano le menti delle donne in dolce attesa, piene di curiosità per quello che verrà. Le donne in gravidanza si domandano soprattutto cosa le aspetta al momento del parto, momento tanto agognato quanto spesso temuto. Per rispondere a tutti gli interrogativi delle future mamme, nel 1985 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha stilato un documento ...

Leggi Articolo »

Lotus Birth, diffuso anche in Italia ma per gli esperti è un rischio

Anche in Italia è boom di richieste per il ‘Lotus Birth’. Il parto ‘Lotus’, chiamato così dal nome dell’infermiera californiana che lo ha richiesto per la prima volta nel 1974 alla nascita di suo figlio, è caratterizzato dalla mancata recisione del cordone ombelicale con la conseguenza che la placenta e gli annessi fetali rimangono attaccati al neonato anche dopo il ...

Leggi Articolo »

Gravidanza, come riconoscere l’inizio del travaglio

Come riconoscere i sintomi dell’inizio del travaglio e quando è il momento giusto per recarsi in ospedale? Alla fine della gravidanza dopo 9 mesi di lunga attesa, le future mamme non vedono l’ora di abbracciare il proprio bambino e tante sono le domande relative a cosa accadrà nei momenti che precedono il parto. Per evitare una corsa al Pronto Soccorso ...

Leggi Articolo »

Come l’eccesso di parti cesarei sta cambiando l’evoluzione

Di recente la tendenza è diminuita ma a cavallo degli anni Duemila in Italia il parto cesareo era diventato “di moda”. Si partoriva senza dolore, senza fatica e soprattutto stabilendo in anticipo la data. Il problema è che fin troppe strutture ricorrevano al cesareo senza motivo, non calcolando i danni che questo poteva causare al bambino, di fatto snaturando un ...

Leggi Articolo »

Gravidanza, un parto su cinque è di donne straniere

Garantire l’assistenza sanitaria in una società sempre più multietnica: è il focus del congresso   Sigo, Società italiana di ginecologia e ostetricia che si è aperto ieri a Roma. Nella prima giornata di lavori sono stati diffusi dati significativi sui parti: in Italia, uno su 5 è di donne straniere, e tra le madri non italiane 7 su 10 provengono da Paesi extra Ue. Un tema attuale ...

Leggi Articolo »

Oms: 303mila donne morte di parto ogni anno

Ammonta a 303mila il numero di donne che ogni anno muoiono durante il parto. A segnalarlo è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che riferisce inoltre che 2,7 milioni di bambini muoiono nei primi 28 giorni di vita e 2,6 milioni nascono morti.

Leggi Articolo »

Reggio Emilia, donna morta di parto

Tragedia all’Ospedale di Guastalla dove una donna è morta di parto. Dalla Ausl di Reggio Emilia fanno sapere che i medici sono riusciti a salvare il bambino grazie ad un cesareo d’emergenza. La direzione dell’Azienda sanitaria riferisce che le condizioni della donna “sono imprevedibilmente e improvvisamente diventate critiche durante le primissime fasi del travaglio”. Le condizioni del neonato, attualmente ricoverato ...

Leggi Articolo »

Condividi con un amico