Home » Tag Archivi: vulcano (pagina 4)

Tag Archivi: vulcano

Prevedere le eruzioni? Forse si può

Prevedere le eruzioni, come prevedere i terremoti, è quasi impossibile. Sebbene i vulcani mandino precisi segnali prima di esplodere, non è detto che siano sempre la vigilia di un’eruzione. I vulcanologi lo sanno bene, infatti per controllare queste montagne speciali e spettacolari spesso si recano sul posto e passano ore a confrontare i dati. Ora potrebbero avere un aiuto tecnologico ...

Leggi Articolo »

Etna di nuovo in eruzione: secondo evento dell’anno

Il secondo evento eruttivo dell’anno 2015, sull’Etna, è iniziato in sordina nel pomeriggio del 12 maggio. Gli strumenti dell’INGV di Catania hanno cominciato a registrare un sensibile aumento del tremore vulcanico, sebbene nulla di preoccupante, e in serata la popolazione ha visto una piccola “fiammella” alzarsi innocua dalla cima del Nuovo Cratere Sud Est.

Leggi Articolo »

Il risveglio del Calbuco fa tremare l’ambiente

Il Calbuco è un vulcano che dorme spesso, e a lungo. Basti pensare che il suo nome, in lingua indigena Mapuche, significa “acqua azzurra” e nulla ha a che vedere col fuoco. Questo perchè, appunto, l’uomo lo ha visto poche volte in attività. L’ultima grande eruzione risale a 43 anni fa, e dunque un suo probabile risveglio era atteso da ...

Leggi Articolo »

Il vulcano che spense il sole

Ricorrono proprio in questo mese i 200 anni della più grande eruzione mai documentata al mondo. Quella del vulcano indonesiano Tambora, che esplose improvvisamente nell’aprile 1815 distruggendo un’isola, la tribù che lì abitava e lanciando nell’atmosfera milioni di detriti che oscurarono la luce solare per giorni, causando anche l’abbassamento delle temperature su tutto il pianeta.

Leggi Articolo »

Etna: eruzione in fase finale con lievi scosse di terremoto

Come ormai accade da tempo, l’eruzione dell’Etna è iniziata a sorpresa ed è terminata in poche ore. Due giorni appena tra l’aumento del tremore vulcanico, le manifestazioni parossistiche, le colate di lava e la diminuzione del tremore. Sebbene non si possa ancora dire che l’evento è terminato, di sicuro è entrato nelle fasi finali. Salvo sorprese, che con l’Etna non ...

Leggi Articolo »

Etna in eruzione: la lava scende a ovest, verso Adrano

Una “duegiorni” di fuoco quella regalata dall’Etna alla Sicilia orientale. L’eruzione, come è ormai d’abitudine del vulcano, è iniziata all’improvviso con un rialzo inaspettato del tremore vulcanico e attività parossistica dal cratere di Sud Est. Ma a causa del cattivo tempo che ha mantenuto la montagna nascosta dalle nuvole, è stato possibile ammirare l’evento solo nelle fasi conclusive.

Leggi Articolo »

Etna: torna in attività la “sonnolenta” Voragine

La lunga e travagliata storia del grande vulcano Etna, comprende la formazione di ben cinque crateri sommitali, tutti quanti attivi, a periodi alterni. Il primo a formarsi in epoca moderna è stato il Cratere Centrale, che per secoli ha dominato la costa siciliana, erede di quel “Trifoglietto” che era l’antica formazione vulcanica etnea poi collassata su se stessa. Nel 1911 ...

Leggi Articolo »

Improvviso risveglio del vulcano Etna

Si era addormentato il 12 agosto scorso, lasciando a bocca asciutta migliaia di turisti accorsi da ogni dove per ammirarlo. L’Etna è così, non ama mettersi in mostra troppo a lungo. E quando la fama diventa eccessiva si defila e si lascia dimenticare. Normalmente, poi, dopo una pausa di qualche mese ritorna a farsi sentire… prima con un terremoto, poi ...

Leggi Articolo »

I ricchi scoprono la Dancalia, ultima regione selvaggia incontaminata

Non esiste un luogo più inospitale di Dancalia. Questa depressione, situata fra Eritrea ed Etiopia, è in realtà una immensa caldera costituita da immensi bacini di sale, da geyser bollenti, da lava e pozze acide con depositi si zolfo che sembrano un arcobaleno in terra. Qui hanno il coraggio di resistere solo gli Afar, una tribù che vive praticamente sottoterra, ...

Leggi Articolo »

Radiografia “muonica” per il Vesuvio addormentato

Il Vesuvio fa più paura dell’Etna perché è imprevedibile. Come tutti i vulcani “dormienti”, questo cono si risveglia all’improvviso e in modo violento causando disastri immani come quello di Pompeii (anno 79 dopo Cristo) ma anche come le eruzioni del 1631 e del 1944. Le sue piccole dimensioni, inoltre, rendono ancor più pericolosa la vicinanza di così tante città che, ...

Leggi Articolo »

Condividi con un amico