Home » Tag Archivi: vulcano (pagina 5)

Tag Archivi: vulcano

Il dramma ai “vulcanelli” di Aragona: cosa è successo davvero

Qualcuno dovrà pagare per la morte di Carmelo (9 anni) e Laura (7 anni) sepolti vivi da una colata di fango alta 20 metri che si è chiusa su di loro mentre erano in visita alle “Macalube”, i vulcanelli di Aragona, provincia di Agrigento. Pagherà forse Legambiente, che doveva sorvegliare l’area, o la Regione Sicilia che non ha predisposto sistemi ...

Leggi Articolo »

Prevenzione sismica e vulcanica in Sicilia, grazie all’INGV

In ottobre, tutti celebreremo la settimana del Pianeta Terra ed è importante, perchè solo rispettando il nostro pianeta potremo rispettare noi stessi e salvarci anche la vita. Negli ultimi anni, nel mondo, ci sono stati 4 grandi terremoti con oltre 400.000 morti e migliaia di danni. I terremoti non si possono prevedere, ma si possono E SI DEVONO prevenire. In ...

Leggi Articolo »

Etna e Stromboli, cambio della guardia

Funzionano spesso in sintonia e se, come dicono i vulcanologi, non sono assolutamente collegati fra loro lo lasciano credere senza alcun problema. Non è la prima volta che i due vulcani siciliani si danno “il cambio della guardia”, e quando inizia uno a dar spettacolo l’altro finisce. Etna e lo Stromboli, in queste notti, sono i protagonisti assoluti.

Leggi Articolo »

Etna: cinque giorni di boati, mentre cresce il “craterino”

Un nome ancora non ce l’ha. Lo chiamano “l’ultimo nato”, il “craterino”, oppure in siciliano “u picciriddu” (il bambino), ma la nuova bocca apertasi alla base del cratere di Nord Est il 25 luglio scorso in pochi giorni ha già raggiunto dimensioni importanti. Nata sulla scia dei “fratelli”, gli sfiatatoi gemelli che si erano formati a inizio mese, questa nuova ...

Leggi Articolo »

Etna: frattura con tre nuove bocche eruttive

Cosa succede sul vulcano più alto d’Europa? Placati i parossismi del Nuovo Cratere Sud Est, che è stato protagonista di spettacolari eruzioni negli ultimi tre anni, una frattura si è aperta sul terreno che scende dalla base del cratere di Nord Est verso Valle del Bove. La frattura ha subito generato -nella giornata del 5 luglio scorso- due “hornitos” molto ...

Leggi Articolo »

Il nuovo cratere dell’Etna sono due: ecco “i Gemelli”

Appena dieci giorni fa erano solo una linea di frattura lungo il terreno roccioso di quota 3.100 metri, in cima all’Etna, poi su quella frattura si è formato un “hornito” (fornello), ovvero una minuscola bocca eruttiva che sfogava vapore e calore. In pochi giorni una nuova piccola bocca si è aperta qualche metro più in basso ed è cominciata una ...

Leggi Articolo »

Etna, nuovo parossismo dal cratere Sud Est

Lo chiamano Sud Est, anzi “Nuovo Sud Est” perchè nato dalle viscere del precedente cratere di Sud Est ed è cresciuto talmente tanto da superare in altezza gli altri quattro crateri storici dell’Etna. Proprio da questo “piccolo precoce” è partito sabato sera l’ennesimo parossismo eruttivo del grande vulcano siciliano.

Leggi Articolo »

Dopo 25 anni tornano in grande attività i “vulcanetti” di Paternò

Per chi non le ha mai viste, le Salinelle di Paternò (a 20 minuti di strada da Catania) sono uno spettacolo che lascia senza fiato. Una distesa di colori che variano dal rosa, al rosso carico, al giallo, al verdognolo, al grigio e che altro non sono se non fanghi di zolfo solidificati. La città medievale di Paternò sorge infatti ...

Leggi Articolo »

A Catania, Etna Walk e INGV insegnano a rispettare la montagna

(foto Grazia Emme) L’Etna, il vulcano più alto e più bello d’Europa, è stato appena proclamato “patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO, un riconoscimento che vale interesse turistico, economia, tutela e valorizzazione della bellezza di questi boschi, delle “sciàre” di lava, dei sentieri che si perdono tra i dirupi e le grotte vulcaniche. Un patrimonio immenso che ancora troppa gente maltratta. Cosa direbbe ...

Leggi Articolo »

Etna: in arrivo un prossimo risveglio?

Dopo la lunga eruzione iniziata il 23 gennaio 2014 e durata, ininterrottamente, per due mesi, il vulcano attivo più grande d’Europa sembrava essersi concesso un periodo di meritato riposo. Era calata la quiete sui crateri sommitali, era tornato normale il tremore, nessun filo di fumo in cielo. Pareva che la quiete dovesse durare a lungo, dopo l’ultima “tempesta”, invece in ...

Leggi Articolo »

Condividi con un amico