Home » Tecnologia » Amd svela i suoi piani per il 2010

Amd svela i suoi piani per il 2010

Nel 2009 AMD ha raggiunto traguardi importanti ottenendo un importante aumento finanziario; Nel 2010 si ha intenzione di estendere le leadership grafiche e di sfruttare l’interessante situazione di mercando introducendo le nuove piattaforme in ambito Server e Client, si è inoltre discusso il 2011, nel quale verrà inaugurato il nuovo prodotto AMD Fusion.

AMD nel 2009 ha raggiunto dei traguardi interessanti, tra cui;

– Presentazione delle due nuove piattaforme per sistemi notebook
AMD Mainstream Notebook e AMD Second Generation Ultrathin; la piattaforma Dragon con processori AMD Phenom II e i processori AMD Opteron a 6 core, presentati con 5 mesi in anticipo rispetto alla roadmap iniziale
– Introduzione della VISION Technology, un nuovo approccio studiato con l’obiettivo di rinforzare il valore aggiunto delle piattaforme di AMD e semplificare l’esperienza di utilizzo dei consumatori finali
-Trasformazione in una società finanziariamente più forte dedicata alla progettazione e adozione di un nuovo modello di business grazie alla creazione di GLOBALFOUNDRIES
-Transizione alla tecnologia di produzione a 40nm e supporto alle DirectX 11
-Annuncio della schede grafiche ATI radeon HD 5800 e 5700 che supportano le DirectX 11

Per il 2010 AMD vuole realizzare:
-“Danube”: la piattaforma di nuova generazione AMD Mainstream Notebook che monta il primo processore AMD mobile quad-core e che promette di offrire più di 7 ore di autonomia della batteria;
-“Nile”: la terza piattaforma AMD Ultrathin notebook, progettata per offrire una maggiore autonomia della batteria (più di 7 ore);
“San Marino” e “Maranello”: due nuove piattaforme in ambito server con supporto DDR3. “Maranello” si baserà sul processore “Magny-Core” a 8 e 12 core, mentre “San Marino” offrirà nuovo valore ed efficienza energetica che contribuirà alla crescita del Web e del Cloud Computing;
– “Leo”: la prossima generazione della piattaforma per PC desktop dedicata agli “enthusiast” basata sul primo processore per desktop a 6 core

Overview 2011:
Nel 2011 AMD darà vita a una nuova era dell’elaborazione introducendo le seguenti piattoforme (nomi in codice):
-“Bulldozer” e “Bobcat”: due nuovi core x86 studiati per specifiche piattaforme e segmenti di mercato “Bulldozer” sarà una architettura completamente nuova studiata per soluzioni server mainstream, desktop e notebook che sfrutterà un nuovo approccio multithreaded in grado di offrire sempre maggiore efficienza e prestazioni. L’architettura “Bulldozer” offre un’ esclusiva funzionalità in grado di stabilire una connessione diretta tra la CPU e unità di elaborazione grafica (GPU) per creare una soluzione a singolo chip, definita come Accelerated Processing Unit (APU), per offrire massima scalabilità.
-“Bobcat” è studiato per il mercato dei PC ultra sottili a basso consumo energetico, e sarà in grado di scalare facilmente in combinazioni con altri componenti nelle configurazioni APU (Accelerated processing Unit)
-“Llano“: sarà la piattaforma dedicata ai notebook e desktop mainstream. L’APU (accelerated processing unit) sarà la prima a identificare l’unione di una CPU e una GPU in un unico die.
-“Brazos“: piattaforma per ultra portatili economici, si baserà sulla APU “Ontario”, con due core basati sulla nuova architettura “Bobcat”.
-“Zamberi“: processore per sistemi desktop dedicato al segmento “enthusiast” con 8 core basato sull’architettura indicata con il nome in codice di Bulldozer.

admin

x

Guarda anche

Disponibili al download i nuovi driver Catalyst versione 12.3

AMD, la multinazionale americana produttrice di componenti elettroniche, ha rilasciato un aggiornamento dei propri driver ...

Condividi con un amico