Home » Tecnologia » WikiLeaks conferma che la Cina attaccò Google

WikiLeaks conferma che la Cina attaccò Google

La sterminata documentazione segreta e riservata pubblicata ieri sera da WikiLeaks ha confermato quanto già si dava per scontato, ovvero che l’attaco subito da Google nello scorso dicembre fu coordinato direttamente dal governo cinese. Spulciando nella documentazione relativa a questo caso si legge che un contatto cinese averebbe svelato all’ambasciata americana che sarebbero stati proprio i vertici del partito comunista cinese a dirigere l’attacco ai sistemi interni di Google.

Come scrive il New York Times la campagna di cyber-attacchi è stata portata avanti da “dipendenti del governo, esperti di sicurezza del settore privato e fuorilegge di Internet reclutati dal governo cinese”. Gli attacchi a Big G esplosi nel 2009 erano iniziati già nel 2002, ed avevano colpito oltra a Google anche altre 33 aziende statunitensi.

L’attacco venne realizzato sfruttando una falla di Internet Explorer 6, Big G reagì dirottando il traffico di Google China su Hong Kong, eliminando così i filtri imposti per operare nel paese asiatico. Da Mountan View sono sempre stati sicuri della responsabilità del governo di Pechino, anche se questo ha sempre negato gli attacchi. La notizia confermata da questi documenti aumenta la consapevolezza delle pericolose crepe degli Stati Uniti sul piano della sicurezza digitale.

admin

x

Guarda anche

Google, doodle omaggio a Virginia Woolf a 136 anni dalla nascita

Google rende omaggio a Virginia Woolf con un doodle speciale. Il motore di ricerca celebra ...

Condividi con un amico