Home » Tecnologia » Facebook: in arrivo il pulsante “Mi Dispiace” al posto del meno diplomatico “Non Mi Piace”

Facebook: in arrivo il pulsante “Mi Dispiace” al posto del meno diplomatico “Non Mi Piace”

Da anni ormai si discute sull’opportunità per Facebook di affiancare al famosissimo pulsante “Mi Piace” (“Like” in inglese) anche un “Non Mi Piace” per tutte le occasioni. Per molti sarebbe stato un modo per specificare meglio i propri sentimenti, evitando così di mettere un “Mi Piace” a una persona che posta un articolo sulla morte di Nelson Mandela o simili, esponendosi così a pericolosi fraintendimenti. Il “Non Mi Piace”, ironicamente, non soddisfava molti, però, in quanto a sua volta sembrava a rischio di fraintendimenti e di potenziali litigi digitali. Ecco allora che a Palo Alto hanno pensato a qualcosa di più diplomatico, ovvero il “Sympathise”, che in italiano potrebbe essere benissimo tradotto con un “Mi Dispiace” (il termine “Sympathy” in inglese, infatti, ha una connotazione leggermente diversa dal nostro “Simpatia”).

L’anticipazione di questa novità è stata fornita da Dan Muriello, ingegnere del social network blu. Secondo quanto rivelato, il pulsante Mi Dispiace non apparirebbe in tutti i post, ma solamente in quelli che verranno accompagnati dalle emoticon degli stati d’animo degli utenti e, naturalmente, solamente da quelli più tristi che oggettivamente potrebbero indicare il bisogno di un sostegno da parte dei nostri “amici” di Facebook. La funzione delle emoticon è già presente da tempo sul social network, anche per gli account italiani e sta prendendo sempre più piede.

Il pulsante “Non Mi Piace” sembra invece essere stato definitivamente pensionato da un altro ingegnere di Palo Alto, Bob Baldwin, il quale si è opposto all’introduzione di un sistema per mostrare disapprovazione su un sistema come quello di Facebook. Purtroppo al momento non è possibile sapere quando verrà introdotto il pulsante “Mi Dispiace”, anche se la sensazione è che non dovremo aspettare molto.

admin

x

Guarda anche

Facebook potrebbe diventare “sito a pagamento”

La bufera economico-socio-politica che ha investito e devastato Facebook, dopo lo “scandalo Analytica” che ha ...

Condividi con un amico