Home » Tecnologia » Google Blogger, censura sul porno

Google Blogger, censura sul porno

La censura sul Web è sempre stato un argomento molto controverso. Allo stesso tempo, però, anche la gestione di immagini quali quelle esplicitamente pornografiche è divenuto un argomento di primaria importanza. Entrano in gioco fattori personali quali il pudore, la cultura personale e anche la protezione nei confronti di minori, che andrebbero guidati dentro un certo mondo, non certo catapultati senza spiegazioni. Proprio in merito a questo delicatissimo argomento Google ha deciso di effettuare un deciso giro di vite nella gestione della sua piattaforma di blogging principale, ovvero Blogger. A partire dal prossimo 23 marzo non sarà possibile caricare e pubblicare alcun contenuto, foto o filmato esplicito o direttamente sessuale. I blog già esistenti su questo argomento creati prima di tale data, invece, potranno continuare la loro attività, ma solamente rendendo il blog in questione privato e concedendo l’accesso solamente tramite invito. L’unica alternativa sarebbe quella di rimuovere i contenuti incriminati.

Si tratta di un cambiamento piuttosto drastico. Google, infatti, fino ad oggi aveva affermato di non voler imporre alcun vincolo circa i contenuti dei blog ospitati dalla piattaforma, essenzialmente in nome della libertà d’espressione. Qualcosa, evidentemente, dev’essere cambiato, anche se non è chiaro cosa. Potrebbero esserci delle eccezioni a questa nuova regola, ma solamente nel caso che il contenuto offra un “beneficio pubblico rilevante”, ovvero sia artistico, educativo o faccia parte di una ricerca scientifica. Alcune restrizioni potrebbero essere applicate anche su contenuti non per forza sessuali, ma comunque ristretti ad un’audience adulta. In questo caso, però, comparirà il classico avviso prima dell’apertura del sito.

Non sembra possibile che Google possa tornare sulla sua decisione. Infatti è già disponibile uno strumento per esportare il blog (Google Takeout) compreso di tutte le immagini e i testi, così da poterlo caricare altrove e non più su Blogger. Come dire: se non vi piace, quella è la porta.

admin

x

Guarda anche

Google, doodle omaggio a Virginia Woolf a 136 anni dalla nascita

Google rende omaggio a Virginia Woolf con un doodle speciale. Il motore di ricerca celebra ...

Condividi con un amico