Home » Viaggi » Il mito del jazz a Rovereto

Il mito del jazz a Rovereto

Ha preso il via sabato «Itinerari Jazz», manifestazione che periodicamente porta in Trentino una serie di musicisti di livello internazionale per questo genere musicale. Il quartetto di scena proprio sabato porta il nome del chitarrista John Abercrombie, già compagno di avventure di grandi del Jazz come Jack DeJohnette, Dave Holland e Kenny Wheeler. Il 4 novembre, invece, tocca a Gianluca Petrella, che in occasione della ricorrenza dei 100 anni dalla nascita di Nino Rota, ha deciso di indagare e reinventare la musica composta dal grande autore di tante colonne sonore. Il progetto «Il bidone» prende il nome da un film di Federico Fellini del 1955, ed in esso Petrella mette in luce quella che di Rota è considerata la dote più importante.

Infine, l’ultimo appuntamento con Eddie Palmieri, stella che brillerà a Rovereto lunedì 13 novembre. Si è guadagnato l’appellativo di Miles Davis del latin-jazz, di James Brown della salsa. Nato a New York da famiglia di origini portoricane, Palmieri ha ricevuto una formazione classica al pianoforte, ma si è ben presto orientato verso il latin-jazz attraverso l’influenza del fratello maggiore, Charlie.

Info: www.visitrovereto.it

admin

x

Guarda anche

In aumento le misteriose “ulcere della carne”

In Australia è quasi allarme globale, con un aumento del 400% di diagnosi per l’Ulcera ...

Condividi con un amico