Home » Viaggi » Bit 2012, la Valle d'Aosta resta a casa: costa troppo

Bit 2012, la Valle d'Aosta resta a casa: costa troppo

La Bit quest’anno perde un grande ospite, la Valle d’Aosta che ha deciso di fare solo azioni mirate e di evitare la borsa del turismo perché troppo costosa. L’assessore regionale al turismo, Aurelio Marguerettaz, ha commentato: ”L’investimento necessario per garantire una presenza dignitosa alla Bit in grado di suscitare l’interesse e la curiosità dei media e del pubblico, stimato in circa 150.000 euro annui, è sproporzionato rispetto ai ritorni riscontrati e attesi”.

La Regione presenta così la propria offerta il 7 febbraio a Milano in occasione della conferenza stampa dedicata ai maggiori eventi invernali della Valle d’Aosta, tra cui la Marcia Gran Paradiso, i campionati mondiali studenteschi, le finali di coppa europa di sci alpino e il Tour du Rutor.

Dal 21 febbraio poi l’Assessorato con la Chambre valdo’taine sarà per tre mesi presso i punti Eataly di Torino, Genova e Bologna con un proprio corner informativo, focalizzato sull¹offerta enogastronomica e di tradizione valdostana. DaL 10 al 13 maggio la promozione valdostana passera’ poi per il Festival del Fitness.

admin

x

Guarda anche

Pronti per EXPO CASA 2017

Nove giorni di passione per la casa, tutti da godere a Torino, presso il LINGOTTO. ...

Condividi con un amico