Home » Viaggi » Alla scoperta della Sicilia Araba

Alla scoperta della Sicilia Araba

Di recente l’UNESCO ha riconosciuto tra i propri patrimoni mondiali immateriali un itinerario turistico che si svolge quasi tutto nella provincia di Palermo. E’ L’ITINERARIO ARABO, alla scoperta dell’antica anima islamica dell’isola che ebbe il proprio centro proprio a Palermo, capitale dell’Emirato di Sicilia dal IX secolo all’XI, quando i Normanni riportarono la cristianità sul posto. Noi vi suggeriamo un itinerario di 4 giorni, con arrivo a Palermo e sistemazione presso uno dei tanti alberghi o se volete risparmiare anche in B&B (ce ne sono diversi e molto ben tenuti, specialmente tra via Roma e via Maqueda). Da Palermo gli spostamenti possono avvenire in auto oppure con i mezzi, dato che dalla stazione centrale partono autobus e treni verso tutte le destinazioni.

1° GIORNO — CEFALU’
Colazione e poi partenza per Cefalù (70 km da Palermo), cittadina turistica e di rara bellezza che nonostante il nome greco (Cephaledium, ovvero “la testa” dalla forma del promontorio sotto cui sorge) conserva quasi esclusivamente testimonianze storiche arabe e normanne. Bisogna ricordare che i Normanni, quando ripresero il controllo dell’ex emirato arabo di Sicilia, non cancellarono le tracce lasciate dai nemici ma anzi ne esaltarono le bellezze riprendendo l’architettura. Così il DUOMO DI CEFALU’ (anno 1131) presenta colonnati e mosaici che ricordano moltissimo l’arte islamica, famosissimo il mosaico gigante del Cristo Pantocrator. Il vicino Chiostro del XII secolo, con il bellissimo portico e le colonne binate a capitelli figurati riprende l’arte araba degli archi ogivali. Da ammirare lo Osterio Magno (foto in alto), o “residenza regia”, del XII secolo sebbene in seguito restaurata e rimaneggiata. Ma Cefalù non è solo arte araba, è anche mare, medioevo, musei … la giornata potrebbe proseguire con un pranzo, un gelato e un bagno pomeridiano nella suggestiva spiaggetta bianca.

2° GIORNO E 3° GIORNO— PALERMO
Prendetevi due giorni per conoscere veramente la capitale siciliana, cominciando dalla meraviglia di  PALAZZO DEI NORMANNI, rimaneggiato sulla originaria costruzione araba del X secolo che ospitava l’emiro. Dentro questo palazzo si trova la Cappella PALATINA che merita una sosta prolungata, con spiegazione e possibilità di ammirare uno ad uno i mosaici dorati. Da qui si passa alla CATTEDRALE che dal 1184 al 1801 fu continuamente rimaneggiata, restaurata e trasformata ma che ancora oggi conserva strutture arabe evidenti. La cattedrale richiede una visita completa, con le catacombe, le tombe e il museo annessi. Dopo pranzo, la visita potrebbe proseguire con la chiesa di SAN GIOVANNI DEGLI EREMITIcon le sue cupole rosse che vi faranno sentire in Tunisia! Il resto della serata sarà libero a vostra discrezione. Il secondo giorno dedicatevi alla Palermo popolare: i mercati della KALSA e della VUCCIRIA, veri suq medio orientali,  la chiesa della MARTORANA, anche essa stupenda nella sua architettura interna ed esterna, quindi SAN CATALDO che dall’esterno ricorda un palazzo principesco medio orientale e con il CASTELLO DELLA ZISA (1167). Di pomeriggio, dopo pranzo, la visita si sposta al PONTE DELL’AMMIRAGLIO con le classiche cinque arcate arabe.
4° GIORNO — MONREALE
Il nostro primo itinerario termina l’ultimo giorno, dopo colazione, con visita alle colline intorno a Palermo e soprattutto al centro di Monreale. Anche qui la testimonianza araba è molto forte, e si vede tutta nella splendida architettura della CATTEDRALE (1174) E DEL CHIOSTRO.

(per le info si ringrazia: https://siciliamuseculture.blogspot.it —FOTO DI Grazia Musumeci)

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ai piedi dell’Etna si scatena la “Festa dei Fiori”

Carnevale è finito? Forse per voi, non per gli abitanti di Acireale (Catania), patria del ...

Condividi con un amico