Home » Viaggi » E “Star Wars” entrò nel presepe. Napoletano

E “Star Wars” entrò nel presepe. Napoletano

“Star Wars” (Guerre Stellari) compie quest’anno 40 anni. Uscì nelle sale cinematografiche per la prima volta nel 1977 e dopo anni di mito ha vissuto un intenso revival negli ultimi vent’anni, con l’uscita di nuove “saghe” ispirate alla vita di Luke Skywalker prima degli incontri con le forze oscure! Un anniversario così non poteva passare inosservato a Napoli, in tempi di presepi. Ed ecco che le statuine di Luke, Han Solo, Principessa Leyla e robot annessi e connessi sbarcano nel mitico presepe napoletano.

Gli artisti che riproducono Skywalker

Quello che a tanti sembra un sacrilegio o una mancanza di rispetto è in realtà la tradizione che da sempre caratterizza il presepe barocco napoletano. Fin dai primi anni della sua istituzione (parliamo del Medioevo) ha rappresentato insieme ai personaggi biblici anche persone famose dei vari tempi. Le statuine di “Star Wars”, dipinte a mano da artisti come Enzo Capuano, Marco Ferrigno, Genny DiVirgilio e Salvatore Gambardella saranno visibili dall’8 al 10 dicembre presso Chiostro Capuano, nella ormai famosissima Via San Gregorio Armeno. I Capuano lavorano a questi presepi da quattro generazioni, mentre Marco Ferrigno è figlio e continuatore d’opera dell’unico “maestro dei pastori in terracotta” di Napoli. L’abilità dei DiVirgilio si esprime nelle fattezze dei volti di queste statue, sia quelle classiche che le famose. I Gambardella sono una istituzione dai primi anni del secolo XIX!

Come arrivare ai presepi di Star Wars

Per recarvi a vedere le fabbriche dei presepi di Via San Gregorio Armeno, prenotate per tempo il vostro viaggio a Napoli. La strada dei presepi è infatti molto affollata in queste settimane prenatalizie, dato che da ogni parte del mondo la gente arriva qui per comprare anche solo una statuina. Per arrivare fin qui dalle stazioni napoletane prendete la metropolitana 2 da Napoli Mergellina oppure le linee di bus urbani 151, 154 e 145. Da Napoli Centrale invece metropolitana 2 oppure le linee bus 151. Nelle vicinanze potete visitare monumenti come la Chiesa del Gesù Nuovo, nell’omonima piazza, il Chiostro di Santa Chiara, la Cappella Sansevero e Napoli Sotterranea. Per chi ama camminare, dal Duomo di Napoli è raggiungibile anche a piedi, passando per altri luoghi bellissimi, ma dovete metterci almeno 50 minuti di cammino.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

L’arte del pizzaiuolo napoletano è patrimonio Unesco

“Congratulazioni, Italia!”. Con questo messaggio lanciato su Twitter, l’Unesco ha annunciato l’inserimento dell’arte del pizzaiolo ...

Condividi con un amico