Home » Viaggi » Venezia: via al Carnevale più Bello d’Italia

Venezia: via al Carnevale più Bello d’Italia

Stanno già scaldando … le maschere, a Venezia, perché parte sabato 27 gennaio il Carnevale più Bello d’Italia! Il programma ricchissimo del 2018, infatti, prevede un inizio molto anticipato con mostre, visite guidate, pattinaggio sul ghiaccio e altri eventi culturali che andranno avanti, giorno dopo giorno, fino ai veri giorni della festa di Carnevale che quest’anno va dall’11 al 13 febbraio incluso.

Dove trovare programma e albergo

Per avere un programma dettagliato della festa di Venezia, il sito del Carnevale propone una pagina totalmente dedicata ai singoli eventi (clicca qui) che si possono consultare inserendo la data che più vi piace. Lo stesso sito, in homepage, offre anche una sezione “Trova il tuo hotel” dove immettendo le date di arrivo e partenza si può prenotare comodamente da casa l’alloggio veneziano lungo il percorso della festa. Il carnevale a Venezia non è soltanto una istituzione turistica ma anche una pagina di storia particolare. Per molti non è un “vero” carnevale perché la partecipazione di popolo è limitata a osservare e non tanto a sfilare (quello è riservato ai figuranti con le bellissime maschere barocche) e rispetto ad altri carnevali è meno “vivace”. Ma certamente ha un fascino che altri si sognano!

Le emozioni di un carnevale millenario

Il carnevale qui ha radici antichissime. Viene citato per la prima volta nelle cronache dell’anno 1094, e come quasi tutti i carnevali del mondo nasceva dalla necessità di lasciarsi andare all’allegria prima di affrontare il periodo di digiuno e di penitenza che portava alla Pasqua. Era anche una necessità di rompere le regole, e a questo servivano le maschere … in quei tre giorni si poteva diventare signori anche se si era schiavi, si poteva tradire il partner, si poteva uscire da sole di notte anche se si era donne! I momenti salienti del Carnevale di Venezia sono tre: LE MARIE (sfilata delle giovani donne più belle di Venezia, soppressa nel XIV secolo e recuperata nel 1999); IL VOLO DELL’ANGELO (o della Colomba) che prevede la discesa di una colomba di legno che dal Campanile di San Marco attraversa la piazza appesa a un filo di metallo, lasciando cadere sulla folla coriandoli colorati. Un tempo tale “volo” era fatto da un acrobata ma a causa di incidenti e decessi venne sostituito con il pupazzo della colomba. Di recente, negli anni Duemila, si è tornati anche all’antica usanza di far discendere un acrobata umano (con tutte le dovute misure di sicurezza del caso); LE MASCHERE DELLA COMMEDIA DELL’ARTE appunto personaggi vestiti riccamente in abiti settecenteschi, con stupende maschere colorate baroccheggianti che invadono strade, calli e ponti della laguna. Il bello di questo carnevale sta nella magia di Venezia, nei suoi colori, nell’essere lì a far parte di un evento mitico e nello scattare foto che resteranno, per voi, davvero uniche al mondo. Da provare!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ai piedi dell’Etna si scatena la “Festa dei Fiori”

Carnevale è finito? Forse per voi, non per gli abitanti di Acireale (Catania), patria del ...

Condividi con un amico