Home » Viaggi » 8 marzo: da Nord a Sud l’arte celebra le donne

8 marzo: da Nord a Sud l’arte celebra le donne

Donne protagoniste dell’arte nel giorno della loro festa. Oggi 8 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, anche l’arte scende in campo per celebrare l’universo femminile in tutte le sue sfaccettature. La Fondazione Torino Musei, oltre a proporre l’ingresso gratuito per tutte le donne, organizza speciali visite guidate: alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea i capolavori del museo saranno letti in un’ottica tutta al femminile, a Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica ci sarà un itinerario speciale nell’ambito della mostra “Perfumum. I profumi della storia” mentre il MAO Museo d’Arte Orientale propone un percorso speciale tra le opere della collezione permanente.

A Milano, nello Studio Museo Francesco Messina, si inaugura proprio oggi la mostra “Belle di natura” che mette in relazione le sculture realizzate da Messina negli anni ’70 raffiguranti le tre star della danza Aida Accolla, Carla Fracci, Luciana Savignano con le fotografie delle stesse danzatrici ritratte oggi da Gianluca Balocco e con gli arazzi disegnati di Zachari Logan.

“Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco” è il titolo della mostra allestita all’Aquila, a Palazzo Fibbioni, dall’8 al 17 marzo che indaga la donna a 360 gradi partendo dall’idea del pannolino: esposti i lavori di 58 artiste italiane e internazionali che hanno interpretato la femminilità lavorando sulle pezze bianche di cotone e di lino che fino agli anni ’60 del secolo scorso si usavano per tamponare il flusso mestruale.

Dall’8 marzo al 13 maggio i capolavori degli Uffizi arrivano all’Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Bagno a Ripoli nella mostra “Con dolce forza. Donne nell’universo musicale del Cinque e Seicento”, dedicata alle donne musiciste del XVI e XVII secolo. A Brindisi l’esposizione “Life is woman” celebra le donne che hanno affrontato e sconfitto un cancro con i lavori fotografici di Luigi Cataldo.

Infine il museo Man di Nuoro approfondisce la stretta relazione tra le donne e un movimento misogino come il futurismo nella mostra “L’elica e la luce. Le futuriste. 1912-1944”, in programma dal 9 marzo al 10 giugno: esposte oltre 100 opere fra dipinti, sculture, carte, tessuti, maquette teatrali e oggetti d’arte applicata che documentano l’operato di artiste come Benedetta Cappa, Valentine de Saint-Point e Marisa Mori.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

A Venezia museo dedicato a Casanova

A Venezia apre un museo dedicato a Casanova. A 220 anni dalla morte, avvenuta nel ...

Condividi con un amico