Home » Viaggi » In Sicilia c’è un “palazzo” che in realtà è un paese

In Sicilia c’è un “palazzo” che in realtà è un paese

     (foto copyright Alessio Drago)

Se andate a PALAZZO ADRIANO non aspettatevi di varcare la soglia di un portone e di trovarvi un portiere, dentro. Non si tratta, infatti, di un edificio ma di un paese della provincia di Palermo, e deve il suo nome al Casale Arianum ovvero alla proprietà che nel 1060 l’allora reggente di Sicilia, il Conte Ruggero, cedette all’arcivescovo di Agrigento, Gerlando. Nel XIII secolo, i vari feudi che formavano il Casale si unirono e formarono il paese come oggi lo conosciamo.

Un paese siciliano di lingua albanese

Il cambiamento avvenne a metà secolo XV quando diversi profughi albanesi, in fuga dalle incursioni turche, giunsero in Sicilia e trovarono riparo in questi luoghi. Da allora, e per i secoli a venire, altre ondate di albanesi arrivarono ad arricchire la comunità arbereeshee locale (gli ultimi dopo l’esodo del 1990) che, pur essendo siciliana in tutto e per tutto, mantiene tradizioni e anche lingua albanese. Palazzo Adriano va visitato in un percorso che comprenda anche altri comuni vicini della comunità albanese: Piana degli Albanesi, Santo Stefano Quisquina, Contessa Entellina, Messojuso.  Il centro storico di Palazzo Adriano però fu usato come set del film “Nuovo Cinema Paradiso” entrando per sempre nella storia e nel meccanismo turistico. Piazza Umberto è il quadro perfetto per tuffarsi in una Sicilia d’altri tempi, con la chiesa dell’Assunta (rito ortodosso), la Fontana Seicentesca, i settecenteschi ed elegantissimi Municipio e il Palazzo Mancuso. Da vedere anche la Casa Natale di Francesco Crispi in via Crispi. E ancora il Santuario di San Nicola, la chiesa della Madonna del Carmelo e di San Giovanni anche esse di rito bizantino.

Come si arriva e dove alloggiare

Palazzo Adriano si raggiunge dall’aeroporto di Palermo tramite le strade A29, E90 imboccando poi la Statale 113 verso Partinico e uscendo a Corleone. Da qui sulla Provinciale 2 e poi sulla numero 4 fino alla Statale 118 per Palazzo Adriano. Se arrivate da Catania seguite l’autostrada per Palermo (A19) uscita Tremonzelli e da lì una serie di Statali e Provinciali (SS120, SP64, SP8, SP78 e SS118) in direzione Palazzo Adriano. Potete alloggiare presso B&B e agriturismi in un paesaggio che non manca della ricchezza di panorami, per esempio da Pigna d’Oro, Casale Borgia Resort, Halycos, Villa Giatra, Casale Margherita.  

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

1 Commento

  1. Articolo schietto e abile nell’avere suscitato la curiosità di conoscere quella porzione della mia terra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Tra i pistacchi, alle spalle del vulcano: viaggio a Bronte

Molti di voi la conoscono per la denominazione di origine controllata dei suoi buonissimi pistacchi, ...

Condividi con un amico